Giovani: uno su due vive con i genitori fino ai 34 anni

C’è chi rimane a casa di mamma e papà per scelta, chi per convenienza e chi perchè davvero non potrebbe fare altrimenti: fatto sta che il 46,6% dei giovani italiani tra i 25 e i 34 anni vive ancora con i propri genitori. Una quota che ci pone in quart’ultima posizione in Europa, superati solo da Malta (48,9%), Grecia (51,6%), Bulgaria (52,8%) e Slovacchia (56,6%).
A diffondere i dati è stato il sito Quartz, grazie alla seguente infografica:
quartz
 
Al di là dell’enorme divario che separa il nostro Paese da quelli del nord Europa, in particolare Danimarca, Finalndia, Svezia e Norvegia dove la percentuale degli under 34 ancora residenti nella casa dei genitori è rispettivamente all’1,8%, al 4%, al 4,1% e al 4,2%; ciò che colpisce è la differenza che ci separa anche da Paesi simili in tutto all’Italia, anche nel momento storico economico, come ad esempio la Spagna, dove il tasso in questione è fermo al 37,2%, ben 9,4 punti percentuali in meno di noi o l’Irlanda, dove il tasso scende fino al 22,6%, per merito anche di contributi statali ai giovani e ai disoccupati.
A pesare su questi numeri è certamente l’impatto della disoccupazione giovanile, che proprio nello scorso mese di Febbraio ha fatto registrare una nuova impennata dopo i primi segnali di recessione rispetto alle cifre raggiunte nel 2014. “Il problema è lavoro, lavoro, lavoro – ha detto Angel Gurria, segretario generale dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, durante un’intervista – Non c’è nulla di politicamente più esplosivo, più pericoloso e più destabilizzante che avere un’intera generazione di giovani molto frustrati”.
Tuttavia, a volte il lavoro non basta: come mostra un recente studio dell’UE, il 12% dei giovani che hanno un lavoro in Italia non riescono comunque a permettersi di vivere da soli. Una statistica in cui l’Italia è seconda solo a Grecia e Romania.
 
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Server violati: esami da rifare e lauree a rischio

Next Article

Università di Milano: concorso pubblico per 26 ricercatori

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.