Giovani traduttori al Parlamento Europeo

Il Parlamento europeo bandisce tirocini non retribuiti per giovani che hanno intrapreso studi superiori presso università o istituti di livello equivalente.

Il Parlamento europeo bandisce tirocini non retribuiti per giovani che hanno intrapreso studi superiori presso università o istituti di livello equivalente.

Le proprie candidature devono essere inviate improrogabilmente entro il 1° maggio collegandosi al sito www.europarl.europa.eu. Il candidato ideale oltre ad essere membro dell’UE, deve avere una perfetta conoscenza di una delle lingue ufficiali dell’unione o della lingua ufficiale di un paese candidato all’adesione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Napolitano all'Università dell'Insubria

Next Article

Sapienza e Roma Tre, 600 tirocini nel Lazio

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.