Giovani in Sicilia: tirocini retribuiti per 2.000 diplomati

giovani in sicilia tirocini retribuiti

“Giovani in Sicilia”: opportunità di tirocini retribuiti per 2.000 ragazzi e ragazze siciliani. La Regione Siciliana, in collaborazione con Italia Lavoro, ha pubblicato il bando “Giovani in Sicilia” per promuovere l’avvio di 2000 tirocini retribuiti in azienda così da favorire l’accesso al mondo del lavoro a giovani disoccupati e inoccupati.

I tirocini avranno una durata di sei mesi ed è prevista la concessione di una borsa di 500 euro lordi al mese per tirocinante (750 euro e durata di 12 mesi in caso di tirocinanti appartenenti a particolari categorie).

Requisti per accedere al bando sono: avere un’età compresa tra i 25 e i 35 anni; essere in possesso del diploma o di una qualifica professionale; avere la residenza nella Regione Sicilia da almeno 24 mesi ed essere disoccupati o inoccupati.

Il bando intende coinvolgere anche le aziende che decideranno di ospitare i tirocinanti, fornendo un emolumento economico di 250 euro per ogni ragazo/a, a cui andrà aggiunto un importo variabile a seconda della tipologia di contratto che verrà attivato in seguito. Nel dettaglio:

  • 6.000 euro per assunzioni con contratto a tempo indeterminato a tempo pieno (7.000 in caso di particolari categorie di lavoratori)
  • 4.000 euro per assunzioni con contratto a tempo indeterminato part-time (4.600 in caso di particolari categorie di lavoratori)
  • 3.000 euro per assunzioni con contratto a tempo determinato della durata di almeno 24 mesi (3.600 in caso di particolari categorie di lavoratori)
  • 4.700 euro per assunzioni con contratto di apprendistato ex art. 4 del d.lgs. 167/2011.

I giovani che intendano partecipare potranno farlo proponendo la propria autocandiatura, corredata da CV, nell’apposita sezione del sito www.pianogiovanisicilia.com; sullo stesso portale, potranno anche registrarsi le aziende.

L’avviso resterà aperto fino a esaurimento risorse e, comunque, non oltre il 30 novembre 2014, salvo diverso avviso.

Maggiori informazione sul sito deidicato al programma “Giovani in Sicilia”, mentre a questo link potete leggere l’avviso pubblico pubblicato dal portale istituzionale Italia Lavoro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Se la scuola diventa un murales. Gaeta: l'opera 3D che incanta gli studenti

Next Article

Concorso magistratura: pronta un'interrogazione parlamentare

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.