Gina Lollobrigida vende i suoi gioielli per finanziare la ricerca sulle staminali

gina-lollobrigida

“E’ mio desiderio che parte del ricavato vada alla ricerca sulle cellule staminali”. Gina Lollobrigida ha deciso di mettere in vendita i suoi gioielli di Bulgari, collezionati durante la lunga carriera da attrice, per aiutare la ricerca.

I gioielli, tra cui un diamante da 19 carati, uno smeraldo da sedici e diverse perle, hanno il valore di svariati milioni di dollari. L’asta partirà il 14 maggio a Ginevra, dopo un tour che toccherà numerose città del pianeta, tra cui Hong Kong, Londra, New York e la stessa Roma.

“Io sono stata così fortunata da vivere più ruoli nella mia vita: attrice, madre, fotografa, giornalista, ambasciatrice per la FAO, artista. Ho iniziato a collezionare gioielli di Bulgari negli anni Cinquanta e Sessanta, attirata dall’incredibile maestria e dallo stile che distinguono queste opere. Ma in questo momento io sto concentrando il mio tempo sulla carriera da scultrice – ha raccontato la Lollobrigida. Dopo più di sessantacinque anni ho concluso il cerchio, tornando alla prima arte imparata all’Accademia a Roma.

Uno scultore non ha bisogno di gioielli, e così ho deciso di condividerli con altri collezionisti. Nel farlo, ho anche la possibilità di aiutare una causa che mi sta molto a cuore: quella ricerca sulle cellule staminali e sui relativi trattamenti, che io credo dovrebbero essere disponibili per ogni bambino.

E’ mio desiderio – ha concluso l’attrice – che parte del ricavato di questa vendita contribuisca a finanziare un ospedale internazionale per la ricerca sulle cellule staminali”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Metodo pericoloso" Nature contro Stamina

Next Article

37 ricercatori all’Istituto Superiore di Sanità

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".