Generazione Euro, Grilli «apriamo ai giovani europei»

La sfida è investire sui giovani e cercare di recuperare lo sbilanciamento generazionale. Per il viceministro dell’Economia e Finanze, Vittorio Grilli «molte regole favorivano la vecchia generazione e sfavorivano i giovani.

La sfida è investire sui giovani e cercare di recuperare lo sbilanciamento generazionale. Per il viceministro dell’Economia e Finanze, Vittorio Grilli «molte regole favorivano la vecchia generazione e sfavorivano  i giovani. Oggi gli interventi del governo cercano di ribilanciare la situazione, partendo dalle pensioni per ridistribuire le risorse, passando per le liberalizzazioni per permettere di fare attività economica senza lacci, fino alla riforma del mercato del lavoro».

Il ministro, durante la lectio magistralis alla Luiss sulla “Generazione Euro”, ha sottolineato più volte l’esigenza di  confrontarsi con modelli europei, come quello tedesco, che registra tassi di disoccupazione molto bassi rispetto. Una via di uscita dalla crisi per l’Italia, Grilli la individua nella creazione di un nuovo mercato del lavoro, con delle regole molto più solide «dobbiamo avere un mercato del lavoro aperto anche ai giovani, quindi con regole molto più aperte per cercare di ridurre la disoccupazione giovanile – ha detto alla Luiss – questa è la vera sfida che il nostro governo sta cercando di affrontare». Sull’esito della riforma Grilli ha detto: «non sono preoccupato, sono fiducioso di riuscire a fare le cose giuste per il Paese».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Signor Ministro..." la lettera aperta del CNRU a Profumo

Next Article

Redazione Zero C/O Accademia Napoli

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.