Generazione Euro, Grilli «apriamo ai giovani europei»

La sfida è investire sui giovani e cercare di recuperare lo sbilanciamento generazionale. Per il viceministro dell’Economia e Finanze, Vittorio Grilli «molte regole favorivano la vecchia generazione e sfavorivano i giovani.

La sfida è investire sui giovani e cercare di recuperare lo sbilanciamento generazionale. Per il viceministro dell’Economia e Finanze, Vittorio Grilli «molte regole favorivano la vecchia generazione e sfavorivano  i giovani. Oggi gli interventi del governo cercano di ribilanciare la situazione, partendo dalle pensioni per ridistribuire le risorse, passando per le liberalizzazioni per permettere di fare attività economica senza lacci, fino alla riforma del mercato del lavoro».

Il ministro, durante la lectio magistralis alla Luiss sulla “Generazione Euro”, ha sottolineato più volte l’esigenza di  confrontarsi con modelli europei, come quello tedesco, che registra tassi di disoccupazione molto bassi rispetto. Una via di uscita dalla crisi per l’Italia, Grilli la individua nella creazione di un nuovo mercato del lavoro, con delle regole molto più solide «dobbiamo avere un mercato del lavoro aperto anche ai giovani, quindi con regole molto più aperte per cercare di ridurre la disoccupazione giovanile – ha detto alla Luiss – questa è la vera sfida che il nostro governo sta cercando di affrontare». Sull’esito della riforma Grilli ha detto: «non sono preoccupato, sono fiducioso di riuscire a fare le cose giuste per il Paese».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Signor Ministro..." la lettera aperta del CNRU a Profumo

Next Article

Redazione Zero C/O Accademia Napoli

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.