Progetti Gemba kaizen

5progetti.bmpInnovativi e stimolanti i progetti ambientali per il territorio campano presentati ieri 13 gennaio al Suor Orsola Benincasa di Napoli. Con l’obiettivo di eliminare gli sprechi, il prof. Virginiano Spiniello ha riunito ventitré studenti della facoltà di scienze della formazione per la realizzazione di cinque progetti ecologici.
“Immaginare quanto di più semplice esista per la realizzazione di un progetto ambientale, questo ho chiesto ai miei ragazzi” ci ha detto il prof. Spiniello. “Il tirocinio da me ideato intitolato “Come creare un evento di sensibilizzazione ambientale, elementi di marketing ecologico“, è un mix di analisi territoriale, marketing ecologico e gemba kaizen, ovvero un sistema diretto alla costante eliminazione degli sprechi la cui applicazione si focalizza sul luogo fisico, al fine di ottenere un evento-intervento efficace” ha affermato Spiniello.
Pulisci giocando” è il primo progetto ideato da Massimiliana De Stefano, Andrea Di Marino, Luca D’Urso, Giuseppe Maresca e Angelo Picone che propone l’organizzazione di giornate di gioco per bambini dagli 8 ai 13 anni nella zona di Giugliano. Lo scopo è educare i bambini alla civiltà e alla consapevolezza ambientale raccogliendo rifiuti differenziati sulle spiagge. I piccoli partecipanti saranno accompagnati dai genitori così da diffondere ancor più questa consapevolezza.
Originale il progetto “Calendario Salva Parco” realizzato da Giulia Abbate, Luca Saulino, Paola Saulino e Gennaro Saviano che prevede la realizzazione di un calendario in carta riciclata del Parco Metropolitano delle Colline di Napoli. Il calendario avrà due foto per mese, la prima dimostrerà il degrado del parco e la seconda la bellezza del parco ricco di verde e pulito. I calendari saranno venduti e con i proventi ricavati si manterrà costante la pulizia.
Per la zona di Sorrento Giuseppina Corrado, Silvana Esposito, Michela Morlando, Daniela Pane e Francesco Ranise hanno ideato “Concorso 0% plastic”, progetto diretto alla sostituzione delle buste di plastica con le più ecologiche di cotone. L’incentivo sarà la vincita di buoni spesa presso i negozi aderenti che, a loro volta, avranno molta pubblicità. Il budget ipotizzato per questo progetto è tra i più alti, circa 7605,00 euro. “Abbiamo raggiunto un budget relativamente alto poiché dobbiamo mettere in conto il costo della realizzazione delle buste, crediamo che un ipotetico produttore possa essere Alcott” ha dichiarato Ranise.
Ad Afragola è “La giornata del riciclo”, idea di Annabella Barra, Giuseppe Delle Cave, Flora Felaco e Marco Salinas che si recheranno nelle scuole medie del posto spiegando ai bambini i problemi dell’impatto ambientale che realizzeranno un lavoretto di carta riciclata fatta a mano.
Infine “Amare l’ambiente” un progetto di da Fabrizio De Luca, Margherita Gallotti, Amleto Guarino, Claudio Tommasino e Federica Vinci. Con soli 500 euro i ragazzi organizzeranno incontri con classi elementari al fine di produrre uno spettacolo dedicato alla raccolta differenziata ed un giornalino a tema.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

750 animatori in partenza da febbraio

Next Article

Orizzonti universitari

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".