Gelmini: "Non erano studenti"

gelmini.jpg“La maggior parte di coloro che hanno commesso atti di violenza non erano studenti”. È questo il commento del ministro Mariastella Gelmini all’indomani dei fatti di Torino. “Mi spiace constatare come il G8 sull’Università – ha proseguito il ministro, a margine della cerimonia di premiazione della quinta edizione del ‘Premio Libero Grassi’ nella sede della Confcommercio a Roma – dove dovevano emergere all’esterno molti contenuti di cui si è parlato, si è tradotto in episodi di violenza”.
La Gelmini ha affermato anche che “la sola denominazione G8 ha determinato un raggruppamento di persone che non avevano niente a che fare con l’università. Ha avuto visibilità – ha concluso il ministro – solo chi ha commesso atti di violenza”. Un’idea, quella del ministro dell’Istruzione, non isolata. Anche Roberto Maroni, a capo del dicastero dell’Interno, è sulla stessa linea: “L’attacco premeditato di un gruppo di violenti”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Festival del mito all'ateneo etneo

Next Article

Come l'high tech influenza la nostra vita

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.