Gelmini: "Non erano studenti"

gelmini.jpg“La maggior parte di coloro che hanno commesso atti di violenza non erano studenti”. È questo il commento del ministro Mariastella Gelmini all’indomani dei fatti di Torino. “Mi spiace constatare come il G8 sull’Università – ha proseguito il ministro, a margine della cerimonia di premiazione della quinta edizione del ‘Premio Libero Grassi’ nella sede della Confcommercio a Roma – dove dovevano emergere all’esterno molti contenuti di cui si è parlato, si è tradotto in episodi di violenza”.
La Gelmini ha affermato anche che “la sola denominazione G8 ha determinato un raggruppamento di persone che non avevano niente a che fare con l’università. Ha avuto visibilità – ha concluso il ministro – solo chi ha commesso atti di violenza”. Un’idea, quella del ministro dell’Istruzione, non isolata. Anche Roberto Maroni, a capo del dicastero dell’Interno, è sulla stessa linea: “L’attacco premeditato di un gruppo di violenti”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Festival del mito all'ateneo etneo

Next Article

Come l'high tech influenza la nostra vita

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).