Gazzetta dello Sport: 10 borse di studio per tirocini retribuiti in redazione

La Gazzetta dello Sport offre a brillanti laureandi e laureati l’opportunità di svolgere un tirocinio retribuito in redazione della durata di 4 mesi. Lo storico quotidiano sportivo ha aperto le selezioni per il conferimento di 10 borse di studio intitolate alla memoria di Giorgio Giavazzi, caporedattore scomparso nel 1998.
Le borse sono rivolte a studenti iscritti ad un corso universitario o a laureati da non oltre 12 mesi. I candidati selezionati svolgeranno un periodo retribuito di formazione e lavoro nella sede romana o in quella milanese del quotidiano partecipando a tutte le normali attività di redazione.
La scadenza per inviare la vostra candidatura è fissata al 15 marzo 2016. La domanda dovrà essere inviata tramite email all’indirizzo  [email protected] allegando anche una breve lettera motivazionale. I candidati ritenuti idonei verranno ricontattati per un colloquio orale. Maggiori informazioni sono disponibili sulla pagina della Gazzetta dello Sport dedicata alle borse di studio Giorgio Giavazzi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dottore a 80 anni: sia è laureato a Perugia lo studente più "fuoricorso" d'Italia

Next Article

ALMADIPLOMA: "Risultati più alti per gli studenti che puntano su orientamento e stage"

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.