Galera per chi copia

scuola_430_1

C’è chi lo fa a scuola già da piccolo, chi impara alle medie e non smette più. C’è chi ci prova ai concorsi pubblici o chi tenta all’esame di maturità. Copiare è un tradizione che accompagna, più o meno, gli studenti nel loro percorso di formazione.

Molti non sanno, però, che l’atto stesso del copiare comporta un reato penale. Il codice penale italiano è chiaro in materia, con pene che vanno dai 3 mesi di reclusione fino a un anno. L’articolo 1 della legge n. 475/1925 del Codice Penale recita infatti “Chiunque in esami o concorsi, prescritti o richiesti da autorità o pubbliche amministrazioni per il conferimento di lauree o di ogni altro grado o titolo scolastico o accademico, per l’abilitazione all’insegnamento ed all’esercizio di una professione, per il rilascio di diplomi o patenti, presenta, come propri, dissertazioni, studi, pubblicazioni, progetti tecnici e, in genere, lavori che siano opera di altri, è punito con la reclusione da tre mesi ad un anno. La pena della reclusione non può essere inferiore a sei mesi qualora l’intento sia conseguito”.

Attenzione, dunque, prima di tentare la carta della furbizia. Meglio studiare.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Contro la crisi lavoro e istruzione saranno decisivi

Next Article

Per trovare lavoro non basta la laurea

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".