Firmato il protocollo d’intesa tra il MIUR e la Comunità di Sant’Egidio

Firmato a Roma un protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca (MIUR) e la Comunità di Sant’Egidio. L’accordo, siglato dal ministro Stefania Giannini e dal presidente della Comunità, Marco Impagliazzo, rappresenta un passo concreto per una collaborazione organica tra la Comunità e il mondo della scuola, per promuovere iniziative che possano favorire a tutti i livelli l’integrazione e la solidarietà sociale.

Il documento riconosce l’ampia attività svolta dalla Comunità di Sant’Egidio da molti decenni nel campo educativo – dalla prevenzione della dispersione scolastica con l’accompagnamento didattico dei minori a rischio di marginalizzazione, alla realizzazione delle “Scuole della Pace” che educano alla non violenza nelle periferie urbane, all’integrazione scolastica dei rom, fino alla Scuola di lingua e cultura italiana per adulti e giovani immigrati – e si propone di sviluppare una collaborazione con le istituzioni scolastiche al fine di moltiplicarne l’efficacia educativa e il peso sociale.

20140127173907-comunita_sant_egidio2

Il protocollo avrà la durata di tre anni e prevede quindi l’impegno congiunto del MIUR e di Sant’Egidio per “promuovere iniziative tra gli studenti e i giovani divulgando il valore della solidarietà sociale”; “favorire la diffusione nel mondo della scuola dei progetti educativi elaborati in collaborazione con la Comunità”; “promuovere iniziative, campagne e momenti formativi culturali” con particolare attenzione “all’assistenza e all’istruzione negli ambienti giovanili”; “a favorire processi di integrazione  a tutti i livelli”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

CNSU, il parere degli studenti su Decreto Fondo Giovani e Mobilità

Next Article

Test Medicina, la novità: "Pre-orientamento già dalle superiori. Le date? Il prossimo test ad ottobre"

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.