FiPiLi Horror Festival: concorso di cortometraggi e racconti

Nuovo concorso di cortometraggi e racconti per creativi desiderosi di cimentarsi con il mondo dell’horror. In occasione del FiPiLi Horror Festival, che si tiene a Livorno ad aprile 2020, l’ente organizzatore ha indetto un concorso per cortometraggi e uno per racconti brevi. Il tema è la paura e per i vincitori è previsto anche un premio in denaro. La scadenza per l’invio delle opere è il 15 marzo 2020.
Il FiPiLi Horror Festival è giunto quest’anno alla nona edizione. L’associazione culturale che organizza la manifestazione ha aperto due distinti bandi di concorso, dedicati a giovani artisti del cinema e della letteratura che dovranno sviluppare l’argomento del festival 2020, ovvero la paura. Il primo concorso riguarda il mondo del video e i partecipanti saranno chiamati a produrre un cortometraggio della durata massima di 20 minuti. Le categorie in gara saranno horror, fantascienza e opere internazionali. Il secondo concorso è invece dedicato a scrittori e premierà il miglior racconto breve della lunghezza massima di 90 righe di testo. L’opera dovrà sviluppare il tema della paura attraverso un testo di un genere a piacere tra horror, noir, giallo, thriller, fantascienza. Durante la manifestazione di aprile verranno presentate tutte le opere selezionate e verranno premiate le migliori, in seguito alla votazione di una giuria di esperti del settore.
Gli artisti interessati a partecipare al bando di cortometraggi dovranno presentare un’opera di finzione, o documentario, o animazione o una serie web riguardanti la paura. Questo concorso sarà articolato in tre sezioni:
– horror e thriller di produzione italiana;
– fantascienza e fantastico di produzione italiana;
– opere internazionali prodotte o girate all’estero.
I lavori presentati dovranno avere le seguenti caratteristiche:
– durata massima di 20 minuti titoli compresi;
– essere in lingua italiana o lingua straniera ma con sottotitoli in italiano;
– essere opere edite e anche inedite;
– nessuna restrizione sull’anno di produzione;
– possono partecipare opere già vincitrici di altri concorsi;
– non sono accettati film già presentati al FiPiLI Horror Festival.
Ogni artista potrà presentare al massimo due opere, pagando uno quota di partecipazione di 15 euro per ogni opera contestualmente all’invio delle opere stesse. La quota andrà versata seguendo le istruzioni riportate. L’invio di un cortometraggio dà diritto all’ingresso gratuito a tutte le proiezioni del festival per una persona. La scadenza per l’invio dei lavori è il 15 marzo 2020 compreso e dovrà avvenire in formato MOV o MPEG4 o attraverso il link presente sul bando o via posta.
Il Bando dal titolo “La paura fa 90” invita gli interessati ad inviare un racconto breve di genere horror, giallo, thriller, fantascienza o noir, che sviluppino il tema della paura e abbiano le seguenti carattersitiche:
lunghezza massimo di 90 righe di testo, escluso il titolo;
essere in lingua italiana;
essere inediti;
non aver partecipato a precedenti edizioni del FiPiLI Horror Festival;
avere font grandezza 12 “times new roman” con interlinea 1,5 e margini predefiniti.
Ogni scrittore potrà presentare solo 1 opera pagando una quota di partecipazione di 15 euro contestualmente all’invio del racconto stesso, seguendo le istruzioni riportate. L’invio di un lavoro darà diritto all’autore ad un pass di ingresso a tutte le giornate del festival.
La scadenza per l’invio dei lavori è il 15 marzo 2020 compreso e l’invio dovrà avvenire in formato pdf via posta elettronica.
Tutte le opere inviate verranno giudicate da una Giuria composta da esperti del settore. Entro fine marzo verrà data comunicazione dei lavori selezionati per la fase finale del concorso. Per quanto riguarda i cortometraggi, tutti quelli che accederanno alla fase finale saranno proiettati a Livorno durante l’Horror Festival. Per il concorso cortometraggi i premi assegnati ad aprile 2020 durante la manifestazione saranno i seguenti:

    • miglior cortometraggio horror e thriller: targa premio, attestato di premiazione e assegno di 500 euro;
    • miglior interpretazione horror e thriller: targa premio e attestato di premiazione;
    • miglior trucco ed effetti speciali horror e thriller: targa premio e attestato di premiazione;
    • miglior cortometraggio fantascienza e fantastico: targa premio, attestato di premiazione e assegno di 500 euro;
    • miglior interpretazione fantascienza e fantastico: targa premio e attestato di premiazione;
    • miglior trucco ed effetti speciali fantascienza e fantastico: targa premio e attestato di premiazione;
    • miglior cortometraggio straniero: targa premio e attestato di premiazione.

Per il concorso racconti i premi assegnati ad aprile 2020 durante la manifestazione saranno i seguenti:
primo premio: targa premio e assegno di 500 euro;
secondo premio: targa premio e assegno di 250 euro;
terzo premio: targa premio e assegno di 150 euro.
Per ogni informazione gli autori desiderosi di partecipare possono visitare il sito web della manifestazione alla pagina riservata ai concorsi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità 2020: come cambia con la nuova ministra dell’Istruzione

Next Article

Fondazione Adolfo Pini: 5 Borse di studio nel campo Artistico

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.