Fondazione Adolfo Pini: 5 Borse di studio nel campo Artistico

Disponibili nuove borse di studio in ambito creativo. La Fondazione Adolfo Pini mette a disposizione 5 borse di studio nel campo artistico del valore di 3.000 € ciascuna. I contributi sono rivolti a giovani studenti e ricercatori nei settori dell’arte e creatività. Per partecipare al bando c’è tempo fino al 28 Febbraio 2020.
La Fondazione Adolfo Pini, allo scopo di sostenere e valorizzare giovani talenti nelle discipline culturali, offre borse di studio destinate a studenti e ricercatori nel campo artistico e creativo. A bando 5 borse di studio per studenti e ricercatori under 35 di università, scuole d’arte o altri centri di competenza, che avranno la possibilità di effettuare un periodo di formazione o di ricerca/lavoro da realizzarsi presso centri internazionali specializzati. Le borse di studio, del valore di 3.000 euro lordi ciascuna, saranno erogate per l’effettuazione di un periodo di stage di almeno due settimane da concludersi entro il mese di luglio 2020.
Le cinque borse di studio sono destinate a studenti e ricercatori, under 35, provenienti delle sole scuole di arte, università o di altri centri di competenza, di Milano, che svolgano attività di alta formazione in tutti gli ambiti attinenti alla “Cultura del Progetto” multidisciplinare (arti visive, arti applicate, arti performative, musica).
Per essere destinatari delle cinque borse di studio i candidati dovranno possedere i seguenti requisiti:
– un’età inferiore o pari ai 35 anni;
– essere iscritti a istituti di alta formazione, accademie o università di Milano, o laureati da non più di 3 anni;
– presentare un progetto di stage/ricerca;
– individuare e contattare l’ente internazionale, presso il quale svolgere l’attività di stage/ricerca;
– ottenere dall’ente l’accettazione della domanda per effettuare congiuntamente l’attività di stage/ricerca.
La domanda di partecipazione al concorso indetto dalla Fondazione Adolfo Pini, redatta secondo gli il seguente MODELLO (Pdf 185 Kb), dovrà essere presentata entro il 28 Febbraio 2020 secondo una delle seguenti modalità:
– via raccomandata con avviso di ricevimento indirizzata alla Fondazione A. Pini – c.so Garibaldi, 2 – 20121 – Milano;
– attraverso casella personale di posta elettronica certificata agli indirizzi mail: [email protected]
Per maggiori informazione e per scaricare gli allegati al bando vi invitiamo a visitare il sito web di Fondazione Adolfo Pini.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

FiPiLi Horror Festival: concorso di cortometraggi e racconti

Next Article

Scuola, presentato il Piano di intervento per la riduzione dei divari territoriali in istruzione

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.