Fiorella Mannoia: "Uno Stato che non investe sulla scuola pubblica è uno Stato fallito"

“Un buon insegnante può cambiare la vita di un bambino”, a ricordarlo è la cantante Fiorella Mannoia, che nei giorni scorsi ha voluto esprimere una sua valutazione sullo stato della scuola oggi, sul ruolo dei docenti, le loro vocazioni e il loro prestigio sociale, ma anche sulle iniziative prese dalla politica e in particolare le riforme proposte dal governo Renzi.
Tra ricordi, suggestioni e dure critiche, la Mannoia ha voluto ribadire cosa significhi per un bambino avere un insegnante dedito al suo lavoro: “Non dico che tutto il corpo docente sia all’altezza, ma quelli che considerano l’insegnamento una vocazione, come dovrebbe essere, sono più di quanto immaginiamo e in una classe ne basta uno, uno solo, sarà quello che ti ricorderai per tutta la vita, quello che ammiravi, che ascoltavi con piacere, quello che ti dispiaceva deludere. E considerare i docenti che svolgono un ruolo così importante per la società in cui viviamo, una categoria di scansafatiche è quanto di più sbagliato e pericoloso si possa fare, anche per i ragazzi stessi che rischiano di guardare gli educatori, non più con quel rispetto che l’autorevolezza del ruolo impone, ma come una categoria di “sfigati”che fanno un mestiere di ripiego, che… “tanto mamma dice che è uno scemo che non gli va di lavorare”.”
Ma il ruolo dei docenti si perde tra riforme tentate e fallite, sperperi, burocrazia: “È da decenni che fanno riforme scolastiche e da fuori – si sfoga la cantante – quello che arriva a noi sono una valanga di parole che si basano su: voti si e voti no, e poi i crediti, i debiti, i quiz degli esami, grembiuli si, grembiuli no, pagelle si e pagelle no. Si parla di tutto meno del fatto che genitori e docenti pagano di tasca propria materiale didattico e perfino la carta igienica, che non ci sono palestre e corsi di musica o di danza, che molti edifici sono pericolanti e pericolosi dove non arriva neanche il riscaldamento, che gli insegnanti di sostegno vengono dimezzati, che il corpo docente Italiano è il più sottopagato d’Europa. Che i fondi destinati alla scuola pubblica vengono spalmati anche alle scuole private, noi che eravamo un’eccellenza in quanto a preparazione dei nostri studenti ora stiamo perdendo i nostri giovani migliori che vanno a portare all’estero la propria creatività, che le tasse universitarie sono diventate proibitive”.
E sul DDL La Buona Scuola, attualmente in fase di discussione nelle camere parlamenteri, aggiunge: “Ora se ne escono con quest’altra trovata della scuola azienda con il preside seduto sulla poltrona di comando. Ma io mi chiedo, ma chi le pensa queste cose? Tutto per non dire che i fondi per la scuola pubblica non ci sono, o meglio, non vogliono trovarli, tutto questo per non dire che in questi decenni della scuola non è fregato niente a nessuno, perchè a nessuno interessa la formazione dei cittadini di domani. In questo nostro Paese così bello e pieno di storia, che è stato la patria dell’arte, della musica, della pittura e della bellezza…. della scuola e della cultura, fondamentalmente non frega più un cacchio a nessuno. Io penso che uno Stato che non investe sulla scuola pubblica e sulla cultura sia uno Stato fallito”.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 21 aprile

Next Article

Eurocentres: borse di studio da 4 mila euro per studiare negli Stati Uniti

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.