Fare il tirocinio durante l’università aumenta le opportunità di trovare lavoro

Che fare uno o più tirocini durante l’università giovi una volta giunti nel mondo del lavoro è intuibile. Le esperienze lavorative nel corso del periodo di studi aumentano le opportunità professionali dell’8% già a un anno dalla laurea. Questo emerge dal rapporto di AlmaLaurea sul profilo dei laureati. A svolgere tirocini curricolari sono ben il 59% dei laureati di primo livello. La percentuale sale arrivando al 68% se si tengono in considerazione i ragazzi che non vogliono proseguire con gli studi magistrali mentre scende, attestandosi comunque sul 53%, per gli studenti che vogliono proseguire con il percorso accademico.
Il numero gli studenti che hanno deciso di svolgere tirocini curriculari è praticamente triplicato dal 2002: all’inizio degli anni duemila, infatti, solo il 20% degli universitari sceglieva di fare quest’esperienza. Già nel 2006 la percentuale è più che raddoppiata (44%), fino ad arrivare al 2016, anno in cui il 57% degli universitari ha scelto di fare il curriculare.
A livello di territorio sono i laureati degli atenei del Nord Italia a svolgere più tirocini curriculari rispetto ai colleghi di Centro e Sud Italia. Al Nord, infatti, il 60% degli studenti sceglie di fare un’esperienza lavorativa durante gli studi contro il 53% del Centro e il 55% del Sud. Il numero di tirocinanti cambia, oltre che in base alla posizione, anche prendendo in considerazione le dimensioni dell’ateneo: negli atenei di piccole e medie dimensioni ci sono più studenti (64%) che scelgono di fare questa esperienza rispetto a quelli che frequentano atenei di grandi dimensioni (55%).
Eccezione fatta per gli indirizzi di insegnamento, in cui ben l’89% degli studenti scende in campo prima della laurea, la maggior parte degli stage curriculari riguarda gruppi disciplinari di indirizzi scientifici e sanitari. Immediatamente dopo gli indirizzi di insegnamento troviamo, infatti, in ordine: i ragazzi di professioni sanitarie (82%), quelli di chimico-farmaceutico e educazione fisica a pari merito (81%) e quelli di geo-biologico (77%). Scendendo al di sotto del 50% troviamo gli studenti di ingegneria, di cui solo il 40% fa il tirocinio curriculare fino al gruppo delle discipline giuridiche, dove solo il 17% dei ragazzi può segnare a curriculum un’esperienza lavorativa di questo tipo prima della laurea.
Nella maggioranza dei casi, il 65%, le attività di tirocinio curriculare sono svolte al di fuori dell’università. L’eccezione si registra sono nel caso di medicina e odontoiatria e di geo-biologico: in questi casi rispettivamente il 52% e il 49% rimangono a lavorare nell’ambito dell’università.
E per quanto riguarda la durata? Nel 25% dei casi il tirocinio all’interno del corso di studi supera le 400 ore. Compresi in questa percentuale di tirocini sul lungo periodo ci sono soprattutto laureati nell’area tecnico-scientifica e laureati magistrali a ciclo unico.
Della totalità dei tirocini il 5% si svolge all’estero soprattutto grazie al programma europeo di Erasmus Placement. Chi parte di più sono gli studenti del gruppo linguistico (oltre il 15%) e quelli di medicina e chirurgia (12%). Si tende a non partire invece in triennale preferendo andare all’estero durante il percorso magistrale biennale (9%) e magistrale a ciclo unico (7%).
Per la stragrande maggioranza dei ragazzi che hanno svolto il tirocinio curriculare (70%) l’esperienza è decisamente positiva,ancor di più se fuori Italia, mentre solo per il 40% dei ragazzi l’assistenza fornita dall’ateneo in questo ambito è pienamente soddisfacente.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Luiss, oltre 500 borse di studio per le matricole

Next Article

Sbloccato il contratto per 1,2 milioni di prof da maggio

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.