Fablab Italia, il laboratorio dell’Artigianato 2.0

Schermata 01-2456310 alle 08.35.24

A Torino è nato uno spazio in cui è data a tutti la possibilità di co(progettare) e dare forma attraverso gli oggetti alle proprie idee. Si chiama Fablab Italia ed è un grande passo verso lo sviluppo dell’Artigianato 2.0, la sfida di oggi.

Il britannico The Economist l’ha definita “Terza Rivoluzione industriale” e si presenta come un nuovo modo di produrre in digitale e attraverso strumenti di ultima generazione quali stampanti 3D, taglierini laser, fresatrici a controllo numerico, aspiratori.

Fablab si propone quale risorsa per designer professionisti e opportunità per chi vuol sentirsi “inventore” almeno per un giorno, sperimentando, azzardando e dimostrando di far tutto ciò con lo spirito di chi vuol divertirsi.

Fondatori e coordinatori del progetto sono giovani designer, ingegneri ed esperti della comunicazione, impegnati nella creazione di un vero e proprio fulcro della progettazione basato sullo sviluppo della Digital Fabrication, la cultura dell’Open Source e l’interazione tra macchine, persone, idee e nuovi approcci.

Per i nostalgici delle ore passate da piccoli a montare, smontare e creare attraverso i mitici mattoncini Lego.

 

Giovanni Torchia

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

C'è la crisi: tutti a scuola di tedesco

Next Article

Saper leggere le note migliora la comprensione delle parole

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"