C’è la crisi: tutti a scuola di tedesco

Schermata 01-2456310 alle 08.32.33

Il tedesco è tornato ad essere una delle lingue più importanti, soprattutto in questo momento di crisi.

Secondo un recente sondaggio dell’Associazione Italiana di Germanistica svolto presso trenta università italiane, cresce il numero degli studenti che vogliono studiare questa lingua.

Il Goethe Institut Italia ha certificato che dal 2011 al 2012 il numero di corsi in lingua tedesca è cresciuto del 18 per cento.

Dopo l’inglese, il tedesco è la principale lingua straniera richiesta dai datori di lavoro nel nostro Paese e sono sempre di più le persone con più o meno 35 anni che decidono di studiare la lingua di Goethe, che siano studenti o professionisti come medici, avvocati e insegnanti.

Una tendenza che si riflette anche in altri Paesi dell’Unione Europea come Portogallo, Spagna e Grecia. Il mercato del lavoro tedesco gode sicuramente di maggior prosperità e sicurezza rispetto a quello di altri Paesi, compreso il nostro, e non sono pochi gli italiani che scelgono di trasferirsi in Germania, Svizzera o Austria per lavoro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Su Twitter impazza l'hashtag #letroiedellamiascuola

Next Article

Fablab Italia, il laboratorio dell’Artigianato 2.0

Related Posts
Leggi di più

Docenti poco rispettati dagli studenti? “È soprattutto colpa dei genitori”

Un sondaggio di Swg per la Gilda Insegnanti prova a capire la cause che hanno portato alla perdita di autorevolezza della figura dell'insegnante. Per la maggioranza degli intervistati la causa principale è lo screditamento della figura del prof messo in atto dai genitori degli studenti con continue interferenze nell'ambito didattico.