Europee, il bottino dei Pirati svedesi

piratpartiet.jpgIncredibile exploit di un partito “giovane” e anticonformista che è riuscito a conquistare un posto al sole in Europa partendo praticamente da zero. Una delle sorprese delle Elezioni Europee è senz’altro il Partito Pirata svedese. Fondato nel 2006 dall’ex programmatore Microsoft Rick Falkvinge, come azione di protesta contro la repressione del file sharing e il monitoraggio della posta elettronica, si attestò allo 0,6% nel 2008 e quest’anno ha incredibilmente raggiunto il 7,1% di preferenze, con quasi 300mila voti.
Il Partito Pirata svedese («Piratpartiet») che si batte perché i cittadini possano scaricare e condividere programmi e file gratuitamente oltreché per il rispetto del diritto alla privacy, ha conquistato almeno un seggio (forse due, i risultati non sono ancora definitivi) al Parlamento europeo, risultando come quinto partito più votato in assoluto dall’elettorato della penisola scandinava.
«I giovani elettori hanno deciso di impegnarsi e sono andati a votare», ha dichiarato il leader della forza politica sconosciuta solo fino a pochi mesi fa, precisando che fra gli elettori di età compresa fra i 18 e i 30 anni, il suo è stato il partito più votato. I partiti politici tradizionali «non capiscono come vivono le generazioni più giovani: un voto per il Partito Pirata è un voto per i diritti civili, per la comunicazione libera e la società aperta».
Un programma semplice e concreto – libertà del peer-to-peer e dello scambio di contenuti sul web, radicale riforma dei diritti d’autore, abolizione del sistema dei brevetti e diminuzione dei controlli online – che ha conquistato l’elettorato giovanile e ha permesso di ‘infiltrare’ un hacktivist al Parlamento Europeo, in grado quindi di ‘seguire tecnicamente e politicamente le attività legislative legate a Internet e alle nuove tecnologie’, come recita il programma del ‘Progetto Arancione’.

Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità 2009"Attivate la memoria emotiva"

Next Article

Univaq, aule agibili a Medicina e Psicologia

Related Posts
Leggi di più

Orientasud, torna il salone per i ragazzi del Meridione. Berriola: “Aziende non trovano giovani”

a mercoledì 3 a venerdì 5 novembre, tre giorni di evento nel segno dei giovani. Orientamento, informazioni, opportunità di studio e scambi, colloqui, seminari e workshop per sostenere le scelte formativo-professionali dei ragazzi. Grazie alla piattaforma Natlive e al canale live streaming disponibile, il salone potrà essere seguito in diretta da tutto il Paese.