Eu Digital Covid Certificate. Green Pass, come ottenerlo

In attesa di un analogo lasciapassare valido su scala europea – che entrerà in vigore il 1 luglio con il nome di Eu Digital Covid Certificate –, il Green Pass potrebbe sancire un timido ritorno alla vita sociale in vista dell’estate e parallelamente all’allentamento delle restrizioni su tutto il territorio nazionale.

Permettere ai cittadini di tornare a viaggiare e salvare la libertà di movimento in Europa aiutando così l’economia e il turismo a riprendersi. Sono gli obiettivi del pass Covid europeo – e non certificato vaccinale – presentato dalla Commissione Ue. Il certificato proposto da Bruxelles è gratuito per i cittadini e consiste in un QR code da tenere nello smartphone o da stampare su carta, come quelli utilizzati per i biglietti aerei. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Tre alternative – Tre le alternative per dimostrare di poter viaggiare: essersi sottoposti alla vaccinazione, essere risultati negativi a un tampone, oppure essere guariti dal Covid-19 ed avere sviluppato gli anticorpi. Aver ricevuto il vaccino non sarà dunque un pre-requisito per viaggiare, elemento ritenuto chiave da più parti per evitare discriminazioni nei confronti di coloro che non avranno potuto vaccinarsi. Se la proposta sarà approvata così com’è dai leader Ue nei prossimi mesi, i governi nazionali saranno obbligati a consentire l’ingresso e la libera circolazione di coloro che potranno esibire il pass. 

Il Green Pass viene rilasciato in formato cartaceo o digitale dalla struttura sanitaria o dall’Asl di competenza. Può ottenerlo anche chi abbia ricevuto una sola dose di vaccino, ma il lasciapassare sarà valido solo a partire dal 15esimo giorno dall’inoculazione e fino alla data prevista per la seconda somministrazione (quando, verosimilmente, si potrà chiedere quello che attesta il completamento del ciclo vaccinale).

Con il Green Pass sì a concerti e partite di calcio.

Il certificato verde non servirà solo a spostarsi per turismo. Questo, infatti, ha anche l’obiettivo di dare una risposta ai lavoratori del mondo dello spettacolo, in stallo da mesi. Con il Green Pass, infatti, si garantirà  la presenza del pubblico ai concerti (anche se in numero limitato ad un massimo di 1.000 persone all’aperto e 500 al chiuso).

Stessa storia per il calcio. Il Certificato Verde consentirà anche di entrare allo stadio. Non va dimenticato, infatti, che in Italia si giocheranno alcune partite degli Europei in programma quest’anno e che la Uefa ha posto come condizione per poter essere sede del torneo il fatto di avere almeno il 25% del pubblico sugli spalti.

Autocertificazione, Green Pass, quale serve per gli spostamenti?
Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sport, divertimento e inclusione nel progetto UniSalento "Siamo Sport: Inwaterboardsport"

Next Article

Studenti e farmaci: rapporto complicato. Uno su dieci pensa che la tisana sia un medicinale

Related Posts