Il passaporto vaccinale presentato dall’Ue per tornare a viaggiare: ecco cos’è e come funziona

Passaporto Vaccinale: essersi sottoposti alla vaccinazione, essere risultati negativi a un tampone, essere guariti e avere gli anticorpi

Passaporto Vaccinale. Tre le alternative: essersi sottoposti alla vaccinazione, essere risultati negativi a un tampone oppure essere guariti dal Covid-19 e avere sviluppato gli anticorpi

Permettere ai cittadini di tornare a viaggiare e salvare la libertà di movimento in Europa aiutando così l’economia e il turismo a riprendersi. Sono gli obiettivi del pass Covid europeo – e non certificato vaccinale – presentato dalla Commissione Ue. Il certificato proposto da Bruxelles è gratuito per i cittadini e consiste in un QR code da tenere nello smartphone o da stampare su carta, come quelli utilizzati per i biglietti aerei. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Come si ottiene il certificato?

Le autorità nazionali sono responsabili del rilascio del certificato. Potrebbe, ad esempio, essere rilasciato dagli ospedali, dai centri di test o dalle autorità sanitarie.

La versione digitale può essere salvata su un dispositivo mobile. I cittadini possono inoltre richiedere una versione cartacea. Entrambe le versioni disporranno di un codice QR contenente le informazioni essenziali e di un sigillo digitale per garantire l’autenticità del certificato.

In che modo contribuirà alla libera circolazione?

Il certificato verde digitale sarà accettato in tutti gli Stati membri dell’UE. Contribuirà a far sì che le restrizioni attualmente in vigore possano essere revocate in modo coordinato.

Quando viaggiano, tutti i cittadini dell’UE o i cittadini di paesi terzi che soggiornano o risiedono legalmente nell’UE in possesso di un certificato verde digitale dovrebbero essere esentati dalle restrizioni alla libera circolazione allo stesso modo dei cittadini dello Stato membro visitato.

Se uno Stato membro continua a imporre ai titolari di un certificato verde digitale l’obbligo di quarantena o di effettuare un test, deve comunicarlo alla Commissione e a tutti gli altri Stati membri e giustificare tale decisione.

Tre alternative – Tre le alternative per dimostrare di poter viaggiare: essersi sottoposti alla vaccinazione, essere risultati negativi a un tampone, oppure essere guariti dal Covid-19 ed avere sviluppato gli anticorpi. Aver ricevuto il vaccino non sarà dunque un pre-requisito per viaggiare, elemento ritenuto chiave da più parti per evitare discriminazioni nei confronti di coloro che non avranno potuto vaccinarsi. Se la proposta sarà approvata così com’è dai leader Ue nei prossimi mesi, i governi nazionali saranno obbligati a consentire l’ingresso e la libera circolazione di coloro che potranno esibire il pass. 


Valido qualsiasi vaccino – Il pass varrà per tutti i vaccini approvati dall’Ema, ma non solo: anche gli altri antidoti sul mercato finora privi di autorizzazione europea, come lo Sputnik e il Sinovac, sono ammessi nel certificato, sarà poi facoltà delle autorità nazionali del Paese d’arrivo decidere se riconoscerne la validità. 


Come si ottiene – Le autorità nazionali saranno responsabili del rilascio del certificato. Potrebbe, ad esempio, essere rilasciato dagli ospedali, dai centri di test o dalle autorità sanitarie. 


Come funzionerà – Il certificato verde digitale contiene un codice QR con una firma digitale per impedirne la falsificazione. Al momento del controllo del certificato, si procede alla scansione del codice QR e alla verifica della firma. Ogni organismo autorizzato a rilasciare i certificati ha la propria chiave di firma digitale. Tutte le chiavi di firma sono conservate in una banca dati protetta in ciascun Paese. La Commissione europea creerà un gateway, mediante il quale tutte le firme dei certificati potranno essere verificate in tutta l’Ue. I dati personali codificati nel certificato non passeranno attraverso il gateway dato che ciò non è necessario per verificare la firma digitale. La Commissione europea aiuterà inoltre gli Stati membri a sviluppare un software che potrà essere utilizzato dalle autorità per controllare i codici QR.

Dati e privacy – I dati condivisi con il QR code sono ridotti all’essenziale, ha assicurato Bruxelles, precisando che riguardano la firma digitale dell’ente sanitario che ha eseguito la vaccinazione o dell’istituto che ha effettuato il tampone per garantirne la veridicità.


Validità – La validità del certificato è da determinare e dipenderà dalle informazioni condivise. Per l’avvenuta guarigione l’indicazione dell’Ue è di concedere una validità massima di 180 giorni, mentre la durata si riduce per la regolarità di un risultato negativo da tampone. Più complessa la questione sull’immunità data dai vaccini: nell’auspicio che il 70% dei cittadini riceva la sua dose entro l’estate, l’Ue attende dati certi.

Ma servirà trovare un accordo – Per rendere operativo il pass a giugno e salvare la stagione turistica servirà tuttavia trovare un accordo come sempre non scontato tra i Ventisette. Ad insistere sull’urgenza dello strumento sono soprattutto la Grecia e i Paesi il cui Pil dipende in modo preponderante dal turismo. E proprio Atene nei giorni scorsi ha deciso di anticipare i tempi, annunciando isole Covid-free e assicurando che dal 14 maggio tutte le persone in possesso di vaccino o tampone negativo potranno trascorrere li le proprie vacanze. Una fuga in avanti seguita anche da Vienna, che ha fatto sapere che il suo certificato arriverà già ad aprile.

L’Ue presenta il ‘passaporto’ vaccinale, in vigore da giugno

Agli Stati rimane la responsabilità di decidere quali restrizioni alleviare ai viaggiatori ma dovranno essere uguali per tutti i possessori del certificato verde. Von der Leyen: “L’obiettivo è riaprire”. E su AstraZeneca aggiunge: “Mi fido di quel vaccino, ma l’azienda è inaffidabile sulle consegne”

La Commissione europea ha presentato oggi la sua proposta legislativa di creare un certificato vaccinale, il “Digital Green Certificate“, per facilitare la libera circolazione sicura all’interno dell’Ue in tempi di pandemia di Covid-19. Non si limiterà a dimostrare il vaccino ma fornirà anche dettagli (in assenza della vaccinazione) sul test negativo al Covid (compresi quelli rapidi) oppure sulla presenza di anticorpi da guarigione. In vigore entro metà giugno, sarà disponibile, gratuitamente, in formato digitale o cartaceo.

“Si tratta di un approccio a livello Ue per il rilascio, la verifica e l’accettazione di certificati per facilitare la libera circolazione all’interno dell’Ue, basato su un rigoroso rispetto della non discriminazione e dei diritti fondamentali dei cittadini dell’Unione”, spiegano dalla Commissione. “Sarà definito un quadro tecnico a livello dell’Ue, da mettere in atto entro metà giugno, per garantire la sicurezza, l’interoperabilità e il pieno rispetto della protezione dei dati personali. Consentirà inoltre di estendere la possibilità a certificati compatibili rilasciati in paesi terzi”, aggiungono da Bruxelles. 

Leggi anche:

Crisanti: “varianti invisibili ai test rapidi”

Incidenza Covid in aumento. Con le varianti più attenzioni, un metro non basta.

Variante inglese la più diffusa, contagia i giovani. Nuovo Dpcm in vigore fino a Pasquetta.

Salute: Circolare del ministero, il richiamo del vaccino AstraZeneca dopo 12 settimane

https://corriereuniv.it/2021/03/autocertificazione-covid-marzo-2021-modulo-da-scaricare/
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lauree per genere, etnia e censo. Proteste contro la Columbia

Next Article

Flashmob nei parchi e nelle piazze: la scuola si ribella alla chiusura

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.