Figliuolo spegne l’entusiasmo: “A settembre in classe servirà ancora la mascherina”

Il commissario straordinario all’emergenza Covid non illude docenti e studenti in vista del prossimo anno scolastico: a settembre si ritornerà in classe indossando sempre e comunque la mascherina. Sindacati delusi.

Non ci sarà il tanto desiderato addio alla mascherina per il prossimo anno scolastico, ragazzi e studenti con ogni probabilità dovranno indossarla ancora per un po’ di tempo. La conferma arriva dal generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario all’emergenza Covid che stamattina su Radio24 ha confermato che a settembre si ritornerà in classe indossando la mascherina.

“Ora abbiamo la possibilità di vaccinare dai 12 anni in su, quindi gran parte degli studenti. Infine non è detto che non arrivino ulteriori autorizzazioni per arrivare ai 6 anni. Quindi l’architrave del discorso scuola, per riaprirla in massima sicurezza in presenza, è quello della vaccinazione, poi continueremo con il tracciamento e il diradamento, per questo all’inizio del prossimo anno scolastico sarà necessaria ancora la mascherina insieme ad ulteriori misure per mitigare i rischi“.

Parole che hanno suscitato qualche perplessità da parte dei sindacati che evidentemente speravano che l’andamento della campagna vaccinale potesse in qualche modo far supporre che il ritorno in classe a settembre potesse essere in libertà. “Ricominciare la scuola a settembre con la mascherina è una notizia non piacevole – ha spiegato la segretaria della Cisl Scuola, Maddalena Gissi – molte famiglie hanno denunciato i dirigenti perché i genitori non volevano che i figli tenessero questi dispositivi in classe. Ci auguriamo che venga ridefinito o puntualizzato un piano anche perché le mascherine assegnate dall’ex commissario Arcuri erano spesso di basso livello qualitativo, con odori forti e grandi”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti e farmaci: rapporto complicato. Uno su dieci pensa che la tisana sia un medicinale

Next Article

YOLO economy: lasciano il posto fisso e trasformano la passione per l’informatica nel lavoro dei sogni

Related Posts