Estate sostenibile in Polonia con il progetto AIESEC contro gli sprechi alimentari

A Luglio parti per la Polonia per 6 settimane con AIESEC e collabora al raggiungimento dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile n.12: Consumo e Produzione Responsabile
Sapevi che, ogni anno, circa 1,3 miliardi di tonnellate di cibo prodotto vengono buttati, persi, o sprecati? Ciò corrisponde a una perdita di quasi 1000 miliardi di dollari all’anno.
Per far fronte a questo problema, i volontari di AIESEC in Varsavia, Polonia, hanno deciso di creare un progetto che possa educare e sensibilizzare su questo tematica tutta la popolazione locale, affinché la voce si diffonda e ognuno nel proprio piccolo possa cambiare le proprie abitudini.
Il progetto “FeedBACK” a Varsavia, ti da la possibilità di contribuire al raggiungimento dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile n.12:Consumo e Produzione Responsabile.
Le attività principali di cui ti occuperai dal 12 Luglio al 24 Agosto, saranno:

  • condurre ricerche sull’argomento;
  • organizzare workshop informativi;
  • organizzare eventi e tavole di discussione.

La quota associativa per partecipare al programma Global Volunteer è di 300 euro. L’alloggio e il vitto sono garantiti grazie alla quota di partecipazione.
Scadenza candidature: 1 Giugno 2019
Per essere contattato da un nostro responsabile iscriviti al sito bit.ly/Volontariatointernazionale (non vincolante).
AIESEC è il network internazionale di giovani più grande al mondo, presente in più di 120 Paesi e Territori. Il nostro obiettivo è quello di organizzare esperienze di volontariato internazionali (Global Volunteer) che permettano tutti i ragazzi giovani dai 18 ai 30 anni di mobilitarsi e mettersi in gioco per lasciare il loro impatto nella società.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maestra sospesa per uno schiaffo a un alunno: «Non è vero, punita per aver letto Anna Frank in classe»

Next Article

#PalermoChiamaItalia Salpa domani la Nave della Legalità

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.