Esperto domiciliare per famiglie in difficoltà, il Master

“Home Visiting: esperto domiciliare per famiglie in difficoltà” Master della facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università degli studi di Roma “La Sapienza”.

La facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università degli studi di Roma “La Sapienza” ha indetto un bando di concorso per il master di I livello in “Home Visiting: esperto domiciliare per famiglie in difficoltà” diretto dalla prof.ssa Stefania Marinelli.

Finalità. Il Master si propone di realizzare un percorso formativo finalizzato a formare in maniera qualificata una figura professionale di operatore domiciliare (“Home Visiting” nei paesi anglosassoni), specializzato nell’intervento domiciliare presso contesti familiari in cui sono presenti soggetti con sindrome di autismo o altra patologia psichica o somatica di rilevanza tale che crei bisogni speciali nel contesto e una complessità relazionale tale da richiedere un intervento esterno.

Requisiti di ammissione. Possono partecipare al corso coloro che sono in possesso di
un titolo universitario appartenente ad una delle seguenti classi di laurea: Scienze e tecniche psicologiche; Scienze sociologiche; Professioni sanitarie della riabilitazione; Professioni sanitarie della prevenzione.

Le attività didattiche del Master, della durata annuale per un importo di 3mila euro, si svolgeranno a Roma presso la Facoltà di Medicina e Psicologia in via dei Marsi, 78.
Domande di ammissione entro il 30 novembre 2012

Bando integrale e domanda di ammissione qui.
Contatti: [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sterilità, una proteina è in grado di riattivare gli ovuli

Next Article

Ingegnere per l’Asl di Piacenza

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.