Sterilità, una proteina è in grado di riattivare gli ovuli

Un team di scienziati inglesi ha scoperto una proteina in grado di riattivare gli spermatozoi. Lo staff appartiene alla Scuola di Medicina dell’Università di Cardiff alla cui guida ci sono gli scienziati Tony Lai e Karl Swann. Questi hanno analizzato il processo fecondativo umano scoprendo che per raggiungere l’obiettivo gli spermatozoi trasferiscono all’ovulo una proteina definita PLCz.

In un’intervista a “Fertility and Sterility”, Lai ha spiegato: “sappiamo che alcuni uomini sono sterili perché il loro sperma non riesce ad attivare gli ovuli. Anche se i loro spermatozoi si uniscono all’ovulo, non accade nulla. Quello che è importante della nostra ricerca è che abbiamo usato una proteina umana per ottenere dei risultati positivi che avevamo già osservato ma solo negli esperimenti con i topi”.

Lo studio ha rivelato possibilità straordinarie, gli ovuli non fecondati a causa di un errore di questa proteina, possono essere trattati per condurli all’attivazione: “anche se questo è stato un esperimento di laboratorio e il nostro metodo non poteva essere utilizzato in clinica, in futuro si potrebbe produrre la proteina PLCz e utilizzarla per stimolare l’attivazione dell’ovulo in modo del tutto naturale”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricercatore messicano desaparecido

Next Article

Esperto domiciliare per famiglie in difficoltà, il Master

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".