Errori nel test di Medicina, il Tar dà ragione agli studenti: “Tutti ammessi alla facoltà”

I giudici amministrativi del Lazio hanno disposto l’immatricolazione per gli aspiranti medici che non erano riusciti a superare la prova selettiva. Decisiva la verifica su alcune domande del test che sono state dichiarate “ambigue ed errate”.

Ammessi grazie al Tar: si è concluso con una vittoria per gli studenti il ricorso per gli errori contenuti nel test a numero chiuso per la facoltà di Medicina del 2021. I giudici del Tar Lazio, infatti, hanno accolto i ricorsi presentati da diversi aspiranti medici che avevano evidenziato diverse domande errate. I giudici, a seguito anche della verifica sugli errori portata avanti con gli esperti del Ministero, hanno accolto i ricorsi e, con sentenza definitiva, hanno disposto la loro immatricolazione confermando una prima disposizione interlocutoria che gli aveva consentito, comunque, di seguire le lezioni.

Il test al centro della sentenza è quello che si è svolto il 3 settembre 2021, per i corsi di laurea in Medicina e Odontoiatria. “Siamo contenti che anche questa volta i giudici abbiano accolto le nostre tesi e confermato la presenza di domande errate nel test – spiegano Francesco Leone, Simona Fell, Floriana Barbata soci dello studio legale Leone – Fell & C. che ha assistito e difeso i ricorrenti – Un test anacronistico e che non premia i migliori e non garantisce meritocrazia e parità di trattamento. Ogni anno, da otto anni, ci ritroviamo in prima linea a combattere sempre le stesse battaglie contro un Ministero che non impara dai propri errori e invece reitera i medesimi sbagli. Anche quest’anno, infatti, abbiamo riscontrato un numero esorbitante di domande errate e iperspecialistiche e anche quest’anno stiamo tutelando i concorrenti”.

L’esito della verifica sui quesiti portata avanti dall’Istituto superiore di Sanità sui quesiti aveva dato ragione ai ricorrenti, confermando l’erroneità e l’ambiguità di alcuni quesiti, tali da renderli invalidanti per i candidati.

LEGGI ANCHE:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca, Mattarella: "Orgogliosi dei nostri talenti all'estero ma bisogna fare di più per riportarli in Italia"

Next Article

Mobilità europea, Eures lancia la piattaforma TMS per chi offre e cerca lavoro in UE

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".