Mobilità europea, Eures lancia la piattaforma TMS per chi offre e cerca lavoro in UE

Presentati ad Orientasud l’European online job, giornate per trovare lavoro in Europa, e Eures Targeted Mobilty Scheme, servizi gratuiti per chi vuole spostarsi in Ue

Cercare lavoro in Europa è sempre più facile. La rete Eures, il coordinamento di consulenti degli Stati membri dell’Unione Europea nato nel 1994 con la libera circolazione in Ue, coordinata dalla Commissione Europea, ha moltiplciato l’offerta di servizi gratuiti per chi cerca e offre lavoro in Europa.

Cos’è Eures

“Offriamo un servizio gratuito sia per chi offre lavoro che per chi lo cerca. Esistono molti siti che fanno il matching tra chi offre e chi cerca lavoro ma Eures lo fa in maniera gratuita – afferma la dott.ssa Immacolata Carillo, Eures Advisor durante il webinar di Orientasud 2022 sulla mobilità in Europa, a cura dell’Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro (ANPAL). ono centinaia di migliaia i posti a disposizione ogni giorno da parte delle aziende in tutti i Paesi europei. “Ogni posizione ha le sue caratteristiche e le informazioni sono le più disparate: dai tipi di contratto, alla remunerazione e molte altre caratteristiche”. Poi è possibile contattare direttamente l’azienda tramite l’email oppure il consulente Eures, sia in Italia che nel Paese di riferimento dell’annuncio.

“Solitamente quello che spaventa maggioramente chi vuole andare all’estero per lavorare è quello di avere un supporto nel Paese come ad esempio alloggio e servizi. Ed è qui che interveniamo noi – spiega la dott.ssa Carillo – con tutta una serie di informazioni che vi forniamo come ad esempio le possibilità di spostamento, le carattestiche culturali, di vita, alloggi e così via. Per perfezionare l’idea di andare all’estero per un’esperienza di lavoro”. Sempre all’interno del sito è possibile trovare all’interno dello Stato di riferimento i consulenti Eures a livello regionale e provinciale. Ed è anche possibile contattarli via chat, oltre che email.

Giornate europee per il lavoro

Gli European online job day sono dei giorni dedicate al lavoro in più settori economici e sono svolti in vari Paesi europei. Attraverso la registrazione si può partecipare online agli eventi. “Per i giovani e gli studenti vanno fatte come chi sta cercando lavor, job seeker, il 15 novembre 2022 sarà la prossima giornata europea del lavoro dove è possibile incontrare virtualmente varie aziende, sia italiane che europee, in vari settori. Ci sono aziende già registrare e sarà possibile, previa prenotazione, fare anche dei colloqui digitali con queste aziende”. Inoltre durante le giornate ci sono esperti che forniranno tutte le informazioni del mondo lavorativo erupeo, condizioni di lavoro, stili di vita e così via. Inoltre anche qui è possibile contattare e parlare con i consulenti Eures per avere una finestra sul mondo del lavoro europeo.

Eures Targeted Mobility Scheme

Eures Targeted Mobility Scheme, partito il 15 marzo 2021 e scade ogni biennio e viene rinnovato dalla Commissione Europea. “Esso offre servizi gratuiti, anche finanziari, ad aziende che offrono lavoro e a chi lo cerca – afferma la dott.ssa Maria Rosaria Capone, consulente Eures Advisor Caserta – per suppportare l’occupabilità e l’occupazione in Europa”. Oggi Eures Italia è capo-porgetto avendo vinto la call europea, insieme agli uffici Eures di altri Stati come Bulgaria, Francia, Olanda, Spagna, Malta e Croazia. All’interno del network ci sono tutti i Paesi europei, più Islanda e Svizzera. Ci sono vari settori: salute e assistenza, attività scientifiche e teniche, tutto il settore dell’educazione, della comunicazione, del digitale. “Bisogna essere maggiorenni e gli spostamenti dei lavoratori devono essere tutti tramite offerta di contratto riconosciuto, finanche fosse solo un tirocinio retribuito per almeno 500 euro mensili”.

I dati. “Si conta di erogare nel biennio 2021-2023 ai datori di lavoro fino a 600 candida assunti e 2500 assunzioni con il progetto. Per candidarsi basta registrarsi su Euresmobily.anpal.gov.it “Per i candidati sono previsti indennizzi per quanto riguarda i viaggi di colloquio, i corsi di lingua, il trasferimento e anche un’integrazione di remunerazione per quanto riguarda tirocini o apprendistato”. Insomma un servizio rivolto soprattutto a quei giovani che vogliono fare esperienze diverse ma non sempre hanno le risorse necessarie per fare questo importante passo avanti verso un futuro proficuo.

Leggi anche:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Errori nel test di Medicina, il Tar dà ragione agli studenti: "Tutti ammessi alla facoltà"

Next Article

Studentessa violentata al Policlinico, sospeso e denunciato l’infermiere accusato di stupro

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".