Enea, porte aperte ai ricercatori aquilani

ricercatorienea.jpgL’Enea apre i suoi laboratori per ospitare i ricercatori dell’Università dell’Aquila colpita dal sisma del 6 aprile scorso. Luigi Paganetto, presidente dell’Enea, ha infatti offerto al rettore dell’Università dell’Aquila, Ferdinando Di Orio, la sua disponibilità ad accogliere presso i Centri di Ricerca laziali dell’Ente i ricercatori dell’Ateneo abruzzese. Questa ospitalità consentirà, ha spiegato Paganetto, di portare avanti quelle attività di ricerca che sono state interrotte a causa della inagibilità delle strutture danneggiate dal terremoto.
Paganetto, quindi, ha espresso la sua solidarietà ai ricercatori universitari dell’Aquila in un messaggio al rettore Di Orio. «È con grande tristezza – ha scritto Paganetto – che in questo momento di lutto, Ti esprimo la mia partecipazione alla tragica vicenda che ha colpito L’Aquila, l’Abruzzo e tutto il paese. Ho ancora negli occhi e nella mente i tanti cari giovani che affollavano l’Aula Magna per l’inaugurazione dell’Anno Accademico e mi sembra impossibile che la Città e l’Università siano state colpite da una tale tragedia».
«Sai certamente che l’Enea – ha proseguito Paganetto – si è mobilitato sin dal primo momento con un mezzo mobile sul posto. Voglio aggiungere che siamo pronti a contribuire con l’ospitalità nei laboratori Enea, per quei colleghi che volessero continuare la loro opera nella nostra Regione».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Henkel, con Visione 2050 si entra in azienda

Next Article

Personale all’ospedale San Raffaele di Milano

Related Posts
Leggi di più

“Foto osé in cambio della sufficienza”: chiuse le indagini nei confronti del prof di matematica. Nei guai anche la preside che non denunciò

La Procura di Cosenza ha chiuso le indagini preliminari sul caso delle presunte molestie al liceo "Valentini-Majorana" di Castrolibero. Il docente accusato di violenza sessuale, tentata violenza sessuale, molestie sessuali e tentata estorsione. In un caso chiese a una ragazza di scattarsi una foto del seno se voleva ottenere il 6 nella sua materia.