Enea e Sapienza, pronto il test per misurare l’avanzamento della distrofia di Duchenne

Unknown

Un test per misurare lo stato di progressione della malattia in pazienti affetti da distrofia muscolare di Duchenne e l’esito delle terapie curative. E’ il risultato dell’accordo raggiunto da Ylichron (spin-off di Enea) e l’università La Sapienza. La metodica brevettata nasce da una ricerca condotta dall’equipe di Irene Bozzoni, docente del dipartimento di Biologia e biotecnologie della Sapienza, che ha identificato che in pazienti affetti da Distrofia Muscolare di Duchenne si trovano nel plasma sanguigno microRna normalmente presenti nelle fibre muscolari. E’ stato inoltre dimostrato che la quantità di queste molecole correla con la gravità della patologia. Questa metodologia rappresenta quindi un prezioso strumento diagnostico che potrà anche permettere di definire il livello di beneficio in caso di trattamenti terapeutici.

Grazie a questo accordo, la società Ylichron, attraverso il proprio laboratorio Genechron, che opera all’interno del Centro di Ricerche Enea di Casaccia (Roma), porterà sul mercato un servizio innovativo di diagnostica medica, disponibile ai centri diagnostici, agli ospedali e alle istituzioni di Ricerca, che consentirà una valutazione quantitativa del grado di progressione della malattia. Il test, un unicum in Italia, ma anche in tutti i Paesi della Ue, sarà di enorme rilevanza per lo studio degli effetti di terapie sui pazienti e sui trial clinici di nuovi farmaci, consentendone una valutazione più efficace, non legata alle sole valutazioni qualitative delle problematiche funzionali dei pazienti.

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Papa Francesco conquista anche Facebook: migliaia i suoi follower

Next Article

Milano, mense non sicure per bambini allergici. Somministrati pasti sbagliati e i genitori protestano

Related Posts
Leggi di più

Anche gli USA promuovono la mascherina: boom di casi dove non è obbligatoria

Le scuole senza obbligo hanno oltre 3 volte più probabilità di subire un focolaio rispetto alle altre: il dato arriva da una ricerca effettuata dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) degli Stati Uniti. Il sottosegretario Sileri: "Sulle quarantene aspettiamo il Cts".