Elio porta alla Sapienza il suo barbiere di Siviglia

Schermata 2013-05-07 a 16.51.47

Una versione rivista e corretta del capolavoro di Gioachino Rossini, ‘Il Barbiere di Siviglia’. Elio arriva alla Sapienza e, martedi’ 14 maggio, alle 20.30, presenta nell’Aula Magna dell’ateneo romano ‘Figaro il barbiere’, per la stagione della Iuc, Istituzione Universitaria dei Concerti, fuori abbonamento. ‘Figaro il barbiere’ e’ una versione del ‘Barbiere di Siviglia’ molto speciale sotto l’aspetto sia musicale che teatrale, affidata al talento di Elio, che somma la sua moderna ironia alla comicita’ e alla teatralita’ di Gioachino Rossini.

Alla musica di Rossini, in una riduzione per tre strumenti, si unisce un narratore: naturalmente e’ Elio stesso, che, dialogando con gli ascoltatori, racconta i momenti salienti e introduce i personaggi. La riduzione preparata dal flautista Roberto Fabbriciani, interprete prediletto da grandi compositori contemporanei come Nono e Sciarrino, non e’ priva di giustificazioni storiche, perche’ si rifa’ agli arrangiamenti d’epoca del primo Ottocento.

Obiettivo: rendere accattivante l’opera lirica per un pubblico di giovani e meno giovani non necessariamente appassionati del genere, presentandola in una chiave narrativa e divertente, che risultera’ irresistibile anche per i piu’ arcigni tutori della tradizione del ‘belcanto’. Insieme a Elio, che ha anche una formazione classica e si e’ diplomato in flauto al Conservatorio di Milano, suonano tre musicisti che possono esibire un curriculum di rilievo nelle sale da concerto italiane e straniere: oltre a Roberto Fabbriciani, il pianista Massimiliano Damerini e il clarinettista Fabio Battistelli.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Salerno, incendio doloso colpisce una scuola

Next Article

Y8, la Delegazione Italiana per il Summit giovanile G8 2013 è pronta! Ecco i nomi

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".