Elezioni 2013. Gli ultrà napoletani: “Tu mi tesseri, io non ti voto”

media_d9j8wzxg

Gli ultras italiani hanno dato il via ad una campagna di boicottaggio e hanno appeso in molti stadi degli striscioni che recitano la frase: “Tu mi tesseri, io non ti voto”.

Non si tratta di un invito generico all’astensione, bensì di uno slogan contro quei partiti che hanno introdotto il tesseramento obbligatorio.
La campagna intende, quindi, spingere i tifosi a non votare per quei politici che hanno contribuito ad inasprire le leggi in materia di sicurezza negli stadi.

L’idea è di Lorenzo Contucci, avvocato penalista specializzato nella difesa degli ultras. “Io non ho fatto nulla”, ha detto. “Ho solo pubblicato lo slogan sul sito e sulla mia pagina Facebook. Poi, mi sono accorto che era stato ripreso da varie tifoserie. Evidentemente la gente si è trovata d’accordo. Ormai i politici oltre a non saper risolvere i problemi seri, hanno deciso di sottrarre alla gente comune anche il diritto di andare a divertirsi allo stadio”.

Indubbiamente, tra le tante schermaglie politiche, spesso di carattere propagandistico e populistico, che hanno caratterizzato le campagne elettorali dei vari partiti nazionali, nessuno si è ricordato di tirare fuori anche questa promessa per guadagnare maggiore appeal.
AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Jennifer Laurence cade agli Oscar

Next Article

Votano gli Erasmus. Centrodestra fuori dal Parlamento. Vince il centrosinistra

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".