Educatore in Germania. Previsti benefits e corso di tedesco

Sono aperte le candidature per lavorare come Educatori di asilo nido e insegnante di scuola dell’infanzia in Germania per giovani over 35 con una laurea in scienze della formazione (o equipollente) e e cittadinanza e residenza in uno dei Paesi UE.
Si cercano figure con conoscenza della lingua tedesca livello A.1, in possesso di  esperienza di studio/formazione in ambito attinente alla posizione, preferibilmente con esperienza lavorativa o di volontariato pregressa sia in Italia che all’estero.
Il programma di assunzione prevede una fase preparatoria comprensiva di in un corso intensivo di lingua tedesca e un eventuale periodo di prova in tirocinio retribuito, seguita da un contratto di lavoro. Tra i requisiti, oltre aver compiuto 35 anni, cattadinanza (e residenza) europea, il possessio di una laurea triennale in Scienze della formazione primaria o equipollente, c’è la conoscenza minima di livello A2 di lingua tedesca. Basta presentare la candidatura è necessario registrarsi al portale e seguire le indicazioni per l’application
I partecipanti al progetto riceveranno una remunerazione come prevista dalla normativa tedesca sia per il tirocinio che per il contratto di lavoro. Potranno inoltre ricevere i seguenti benefits: indennità per colloquio di lavoro all’estero fino a 350 euro, indennità aggiuntiva di viaggio, 50 euro al giorno, indennità per il trasferimento in un altro Paese 1.040 euro, rimborso supplementare per il trasferimento (solo in casi specifici, ad esempio residenza in località insulare) fino a 500 euro, indennitì supplementare per la famiglia di 500 euro e integrazione al reddito per i primi sei mesi (se in tirocinio).

Total
0
Shares
2 comments
Lascia un commento
Previous Article

Universiadi, Basile è il nuovo commissario. Giorgetti: "Governo si fa da parte"

Next Article

Premio di laurea da 3.300 euro per una tesi scinetifico-economica

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.