Universiadi, Basile è il nuovo commissario. Giorgetti: "Governo si fa da parte"

Il Governo si smarca dalle Universiadi di Napoli 2019 e lasciato tutto in mano a Ragione e Comune. Lo ha deciso il consiglio dei ministri, nomindando il direttore generale dell’Aru (agenzia regionale per le universiadi) Gianluca Basile l’incarico di commissario, al posto del prefetto Luisa Latella. La norma è contenuta nel dl milleproroghe.
Il sottosegretario alla presidenza del consiglio Giancarlo Giorgetti in conferenza stampa ha spiegato che “per le universiadi di napoli del 2019 si interviene restituendo al territorio la gestione dell’evento. Nell’ultima legge di bilancio era stato nominato un commissario dal ministero dell’interno, con una cabina di regia dove sono emersi plasticamente problemi operativi tra enti locali e territorio”.
Nelle scorse settimane era stata avanzato anche uno slittamento di un anno dei giochi, sia da Giovanni Malagò (Coni), che dal governatore Vincenzo De Luca. Pericolo rientrato insomma le Universiadi 2019 si faranno il prossimo anno. “Regione Campania e comune vogliono tenere ferma la data del 2019. A questo punto abbiamo ritenuto di nominare un commissario espressione della regione campania, di concerto con il comune di napoli”, dice Giorgetti.
Il sottosegretario ribadisce: “La palla passa direttamente al presidente della regione campania de luca e al sindaco de magistris. Il governo si fa da parte. Lasciamo a governatore e sindaco responsabilità dell’evento”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concorso presidi: solo uno su quattro supera il test preliminare

Next Article

Educatore in Germania. Previsti benefits e corso di tedesco

Related Posts
Leggi di più

Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

"La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta", parole della ministra Cristina Messa