Ecco Twigis, il social network dedicato ai bambini

twigis

 

 

Arriva Twigis, il social network per i bambini – Apre anche in Italia il portale Twigis, un vero e proprio social network riservato ai bambini di età compresa tra i 6 e i 12 anni.

Un’importante novità per salvaguardare, da una parte, la privacy dei ragazzi, proteggendoli dai fenomeni di cyber bullismo e da contenuti inadatti presenti sul web, e dall’altra per mettere a disposizione dei bambini uno spazio in cui sviluppare la loro creatività e condividere esperienze.

Il progetto è nato in Israele (Tweegee.com), ma ha già raggiunto Argentina, Brasile, Egitto, Giordania, Russia, Turchia e ora arriva nel nostro paese grazie a una collaborazione con Rcs.

Su Twigis i bambini hanno un profilo personalizzato e una propria posta elettronica che possono usare solo per scambiarsi messaggi all’interno della community; hanno a disposizione migliaia di giochi, possono condividere immagini e chattare tra loro (ad esempio nell’apposita sezione dedicata ai primi giorni di scuola).

L’idea di uno spazio esclusivo per ragazzi sotto i 12 anni rappresenta una risposta al facile accesso che molti bambini hanno nei confronti dei social tradizionali: basti pensare che un’indagine KnowKids afferma come il 38% dei bambini abbiano un profilo Facebook.

Ovviamente in Twigis la privacy e la tutela del minore sono garantite: un gruppo di moderatori vaglia tutti i commenti condivisi sulla piattaforma, le informazioni personali non vengono divulgate (nemmeno attraverso i cookies che permettono di riconoscere un utente quando si ricollega al web), vige una severa politica anti bulli che prevede la sospensione dal social nel caso in cui un utente ne prendesse di mira un altro e, chiaramente, non è possibile postare fotografie, solo avatar colorati e divertenti.

Una misura, quest’ultima, che è al centro di un acceso dibattito internazionale: basti pensare che proprio in questi giorni, in California, è stata approvata una legge che permette ai minorenni di richiedere la cancellazione delle loro foto presenti sul web.

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Carrozza: "La scuola in prima linea contro la violenza di genere"

Next Article

Professori pensionati tornano in servizio. Bloccate le assunzioni per 16 ricercatori

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident