Ecco le migliori Università del mondo: l’Italia è fuori dai primi 200 posti. Spicca l’Università di Trento

Migliori Università al mondo

Pubblicata la classifica delle migliori Università del mondo stilata dalla Times Higher Education, ente anglosassone considerato tra i più autorevoli nel campo. Nessun Ateneo italiano nelle prime 200 posizioni, solo 15 nella graduatoria tra il 201esimo posto e il 400esimo.

Prima delle italiane è l’Università di Trento, che rientra nei primi 25 posti dopo la duecentesima posizione, a seguire l’Università di Milano Bicocca, quella di Trieste e quella di Torino, tutte entro il 250esimo posto. Sorprende il piazzamento dell’Alma Mater (compreso tra il 276° e il 300° posto), che recentemente era stato valutato come il miglior Ateneo del paese. Le altre Università italiane che rientrano nelle prime 400 istituzioni al mondo sono l’Università di Pavia, quella di Padova, di Pisa, del Salento, di Milano, il Politecnico di Milano e buon ultima la Sapienza di Roma.

Sul podio, invece, vanno le solite note: al primo posto si conferma per il secondo anno consecutivo il California Institute of Technology, seguito da Harvard e Oxford, appaiate al secondo posto. Più in generale, dopo le Università statunitensi sono quelle inglesi ad accaparrarsi i migliori piazzamenti: ben 31 atenei targati UK occupano i primi 200 posti della classifica.

Per quel che riguarda l’Europa, l’Università meglio piazzata è quella di Zurigo, mentre il paese del vecchio continente con maggiori rappresentanti è l’Olanda, con ben 12 istituti. Bene anche Germania (10 rappresentanti nella top 200) Francia (8), Svizzera (7), Belgio (5), Svezia (5), dove inoltre le Università sono gratuite, e Irlanda (2). Male, invece, la Russia e, appunto, l’Italia, prive entrambe di un posto nelle migliori 200 Università.

La classifica stilata dalla Times Higher Education utilizza 13 indicatori differenti per esaminare le qualità dei singoli Atenei. Valori come ricerca, insegnamento, apertura internazionale e capacità di trasmettere conoscenza compongono una graduatoria finale molto affidabile e largamente usata in ambito accademico.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pagellini, quelle "sviste" dei baroni

Next Article

Riparte lo sport a Roma Tre: appuntamento per tutti il 9 ottobre

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"