“E se funzionasse”, Confindustria sostiene le idee dei giovani

Schermata 2013-02-27 a 17.27.21

Confindustria scende in campo al fianco delle start-up di studenti, ricercatori e dottorandi con il progetto “E se funzionasse?”, ideato dal Gruppo giovani imprenditori di Confindustria Pesaro e Urbino e patrocinato da Provincia e Università.

Scopo dell’iniziativa è fare “scouting” di idee imprenditoriali nuove partorite da menti giovani, che verranno poi supportate da imprenditori di esperienza nel lungo e complesso cammino verso la definizione concreta del progetto e infine messe a confronto con la platea degli impenditori dell’Associazione.

Le proposte vanno presentate entro il 3 maggio, poi una commissione valuterà e migliori cinque idee degli aspiranti nuovi imprenditori, che saranno poi presentati a settembre a possibili investitori e sponsor, per diventare start-up o contribuire a innovare il business di aziende già esistenti nella provincia.

Spiega Federico Ferrini, presidente del Gruppo Giovani Imprenditori: “Ci siamo impegnati in questa iniziativa consapevoli che il difficile momento economico sta mettendo a dura prova anche le imprese più solide. Diverse fonti identificano l’attuale momento di mercato non come una crisi, che arriva e poi passa, ma come un cambiamento permanente. Migliaia di aziende, che non hanno saputo cogliere il cambiamento come opportunità, hanno chiuso. Nelle Marche le previsioni parlano di un’azienda su tre”.

Regolamento e modulo di iscrizione sono disponibili sul sito www.esefunzionasse

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Digiunare per ubriacarsi, è il binge drinking la nuova allarmante tendenza tra i giovani

Next Article

A Cagliari zero tasse all'Università per chi prende il massimo dei voti

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.