E-mail incomprensibili, stress assicurato

e-mail.jpegDecifrare e-mail ambigue, complesse o emotive dai colleghi causa grave stress e insoddisfazione sul lavoro, più ancora che affrontare una mailbox sovraccarica. Uno studio dell’università del Queensland, in Australia, conclude che le mail scritte male o complesse, combinate con l’aspettativa di una risposta immediata, sono un contributo significativo allo stress e ai conflitti sul posto di lavoro, oltre a favorire interpretazioni sbagliate.
Lo studio della psicologa Rowena Brown, presentato al convegno dell’Australian Psychological Society a Sydney, ha interrogato 218 dipendenti dell’università che sul lavoro ricevono e mandano in media 30 e-mail al giorno, spam compreso. «Sentirsi stressati, subissati ed emotivamente esauriti sono condizioni comuni causate dalla posta elettronica», ha detto Brown.
«È un’arma a doppio taglio», ha aggiunto: «Aiuta i dipendenti a sentirsi impegnati e connessi ai colleghi, ma l’impatto delle mail di cattiva qualità, con l’aspettativa di rispondere immediatamente, può creare stress eccessivo e non necessario. I datori di lavoro hanno la responsabilità di addestrare il personale a seguire un appropriato galateo di posta elettronica».

Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità, seconda prova La traccia stonata al Musicale

Next Article

Seconda prova “fattibile”,si pensa già alla terza

Related Posts
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.
Leggi di più

“Incompetente ed esibizionista”: ecco cosa pensano i giovani della politica italiana

Presentato il decimo rapporto dell'Osservatorio permanente sui giovani della Link Campus University. La ricerca ha interessato 5mila giovani tra i 16 e i 19 anni. La maggior parte di loro sono delusi dal mondo delle istituzioni ma vorrebbero una donna come Presidente della Repubblica. "I fondi del PNRR? Utilizziamoli per riparare ai danni psicologici provocati dalla DaD".