Maturità, seconda prova La traccia stonata al Musicale

musica.jpgSembrava che quest’anno il ministero se la sarebbe cavata. Dopo l’entusiasmo per le tracce di Italiano che sono state indenni da gaffe, l’errore arriva il secondo giorno dell’esame di Maturità. Al liceo musicale sperimentale, infatti, è stata proposto agli studenti un compito che contiene un errore. La denuncia arriva da Mimmo Pantaleo, segretario generale della Flc-Cgil.

“La prova di analisi di un brano musicale fornita oggi ai maturandi dal Ministero – segnala il sindacalista – è incompleta, mancano le ultime tre pagine che corrispondono alla ‘ripresa’ (definizione della forma sonata) e, nella traccia, viene attribuita come sonata a F.J. Haydn anziché L.v. Beethoven. Si tratta infatti dell’opera 14 n.2 Sol maggiore di L.v. Beethoven, come correttamente riportato nel frontespizio del testo, ma non nella traccia predisposta dal Ministero”.

“Insomma l’ennesimo pasticcio – sottolinea Pantaleo – e per di più proprio in quel liceo musicale che, costituendo una significativa novità dei nuovi ordinamenti (in realtà era già presente anche negli ordinamenti di Berlinguer e della Moratti, che però non hanno mai visto la luce), rappresenta la medaglietta al petto del Ministro Gelmini da lustrarsi a ogni conferenza stampa”. I licei musicali – ricorda il sindacato – esistono in forma sperimentale fin dal 1977 e sono sette in tutta Italia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage in Roche per neolaureati

Next Article

E-mail incomprensibili, stress assicurato

Related Posts
Leggi di più

Torna lo Young International Forum: università, lavoro, esteri ma anche disagio giovanile

Da mercoledì 11 a venerdì 13 ottobre al Ragusa OFF di Roma, tre giorni di eventi e appuntamenti. Orientamento, informazioni, sessioni di ascolto e confronto, opportunità di studio e scambi, colloqui, seminari sulle materie di studio e workshop per sostenere le scelte formativo-professionali. Quest’anno ampio spazio ai temi d’attualità legati al mondo dei ragazzi: dal body-shaming al cyberbullismo passando per il tabù dell’introduzione dell’educazione sessuale nei programmi scolastici