Due borse di studio per volare all'estero

La WEP, organizzazione internazionale che promuove e organizza scambi culturali e linguistici in tutto il mondo, mette a disposizione due borse di studio destinate agli studenti di scuola superiore residenti in provincia de L’Aquila.

La WEP, organizzazione internazionale che promuove e organizza scambi culturali e linguistici in tutto il mondo, mette a disposizione due borse di studio destinate agli studenti di scuola superiore residenti in provincia de L’Aquila.
Il contributo permette di coprire il 50% della quota di partecipazione per il programma High School Exchange 2011-2012, grazie al quale si può frequentare un anno o un semestre di scuola superiore in una delle tante destinazioni possibili in tutto il mondo.
I candidati dovranno effettuare l’iscrizione entro il 30 novembre, far pervenire via fax al numero 0116596107 o via web dal sito la scheda di iscrizione (disponibile sul sito www.wep-italia.org) accompagnata da una lettera di presentazione della scuola che sostenga la candidatura e un acconto di 100 euro per le pratiche di iscrizione.
Le due borse di studio saranno assegnate sulla base di criteri esclusivamente meritocratici: i voti ottenuti nella propria scuola, la lettera di referenze, l’esito del colloquio di selezione, in cui sono valutate la motivazione e la predisposizione dello studente verso l’esperienza, l’accuratezza e la puntualità nella compilazione del dossier di partecipazione e la competenza linguistica.
I risultati delle selezioni saranno comunicati ai diretti interessati entro marzo 2011.
La WEP offrirà ai due vincitori della borsa di studio la possibilità di trascorrere parte della loro carriera scolastica all’estero, imparando in modo approfondito la lingua del posto, tipicamente l’inglese, ed entrando in contatto con una diversa realtà studentesca.
Il periodo può coprire un trimestre, un semestre o un anno intero. La destinazione più frequente è costituita dagli Stati Uniti, ma è possibile anche scegliere altre mete, quali Australia, Nuova Zelanda, Canada, Regno Unito e Irlanda, oppure, fuori dall’area anglofona: Spagna, Francia, Belgio, Paesi Bassi, Germania, Danimarca, Argentina, Cina, India, Brasile e Giappone. 
L’esperienza di studio all’estero è riconosciuta in Italia dal Ministero della Pubblica Istruzione, grazie all’equiparazione dei percorsi scolastici. Gli studenti sono inseriti in una scuola superiore locale e ospitati da una famiglia del posto per tutta la durata del soggiorno, per permettere un’immersione integrale nella cultura e nello stile di vita del paese.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Economisti all'EURES

Next Article

Neet, chi lavora, chi lo cerca e chi no

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.