Disoccupazione, prossimo vertice europeo a Roma. Letta: “La ripresa è a portata di mano”

disoccupazione

“La disoccupazione dei giovani è il grande incubo che ci portiamo dietro da questa crisi”: sono queste le parole con cui ha lasciato il vertice di Parigi il presidente del Consiglio Enrico Letta. “E’ un incubo nazionale ma anche un grande tema europeo” – ha aggiunto.

Dopo l’incontro in Francia sulla disoccupazione, infatti, i primi ministri Hollande e Merkel hanno accolto la proposta del premier italiano: “Il prossimo summit sul tema sarà a Roma. Credo che questa sia un’occasione da sfruttare al massimo. C’è bisogno di dare un’accelerazione a molte decisioni che sono state prese in materia di disoccupazione giovanile – ha aggiunto Letta.

Il numero dei disoccupati in Europa, infatti, continua a crescere. Le ultime stime parlano di 5,6 milioni di giovani senza lavoro, con un tasso che arriva a superare il 23 %.

Nella classifica degli Stati maggiormente penalizzati dalla disoccupazione under 25, poi, l’Italia è quarta (con il 40,4%) dietro a Spagna (56,5%), Croazia (52,8%), Cipro (43,9%). Tuttavia, in Italia, a differenza degli altri tre Paesi, il trend a settembre continua a salire. Anche in Grecia la disoccupazione è molto alta, ma l’ultimo dato disponibile è luglio (57,3%). Le meno colpite rimangono Germania (7,7%) e Austria (8,7%).

“Per far ripartire l’economia e i consumi l’elemento di fiducia è fondamentale” – ha concluso Letta. “Ci sono segnali macroeconomici che non si vedono né si toccano, ma i dati ci dicono che la ripresa nel 2014 è a portata di mano”.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

È l'abito a farti il check-up

Next Article

Bambini deconcentrati a scuola perché malnutriti: la colazione, allora, la offre il parroco del paese

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).