È l’abito a farti il check-up

check-up

 

Abito check-up – Mini computer inseriti nelle magliette, nei calzini o persino nel reggiseno: così gli abiti di tutti i giorni diventano potentissimi strumenti per monitorare la nostra salute.

Sensori che rilevano il battito cardiaco, il respiro mentre si fa jogging e addirittura la presenza di virus nel sudore umano: il tutto senza rinunciare ad eleganza e stile italiano. Una delle aziende più all’avanguardia nel settore del vestiario hi tech, infatti, è stata fondata a Seattle da tre giovani ricercatori italiani.

https://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2013/11/13SIB3127.PDF

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università, la lettera di un ricercatore: "Ministri incapaci? La colpa è nostra"

Next Article

Disoccupazione, prossimo vertice europeo a Roma. Letta: "La ripresa è a portata di mano"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".