Bambini deconcentrati a scuola perché malnutriti: la colazione, allora, la offre il parroco del paese

colazione

Bambini deconcentrati a scuola perché a stomaco vuoto: a provvedere alla colazione, allora, ci pensa il parroco del paese. Succede a Crema, dove i ragazzi che, a causa delle ristrettezze economiche della famiglia, non possono fare colazione a casa si riuniscono ogni mattina nella parrocchia di Sant’Angela Merici per mangiare cornetti e brioche.

L’iniziativa è stata promossa da don Francesco Gipponi, parroco del paese: “Parlando con le insegnanti, ho scoperto che un certo numero di bambini, dall’asilo alle medie, aveva difficoltà di attenzione. Perché aveva lo stomaco vuoto e non riusciva a concentrarsi. Allora ho pensato a cosa potessi fare. E mi è venuta l’idea: perché non dare la colazione a questi bambini prima che accedano alla scuola? Tutto è nato così”.

Ogni mattina, dalle 7 alle 8, il parroco aspetta i bambini per offrire loro una tazza di latte o di the, biscotti e cornetti; il tutto cercando di mantenere il massimo riserbo sull’identità dei ragazzi disagiati: “i bambini arrivano, prendono la colazione e vanno a scuola. Nessuno gli chiede il cognome. Stanno un po’ con noi, poi partono per l’avventura quotidiana”, rivela don Gipponi.

Un’iniziativa partita in sordina, ma presto applaudita da tutto il paese: attualmente sono 15 i bambini che ogni giorno fanno colazione insieme nella parrocchia di Sant’Angela Merici e potrebbero diventare molti di più.

E non mancano le piccole difficoltà organizzative: “Devo informarmi sui biscotti che vanno di più al momento – dichiara don Francesco divertito – Ora spopolano le Gocciole, quindi prendo quelle. I bambini sono selettivi, se si fissano su un prodotto, vogliono quello. Vedo anche piccoli che portano via qualcosa da mangiare per l’intervallo. Per me non c’è alcun problema”.

Ma le soddisfazioni in questo genere di iniziative non si fanno certo attendere e ripagano da ogni sforzo: “I bambini sanno darti tanto, quando ti sorridono», ha concluso don Francesco Gipponi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Disoccupazione, prossimo vertice europeo a Roma. Letta: "La ripresa è a portata di mano"

Next Article

Stage retribuiti per neolaureati con il gruppo BNL

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.