Diritto delle nuove tecnologie e informatica giuridica

Il Master in Diritto delle nuove tecnologie e informatica giuridica dell’Università degli Studi di Bologna, si propone di fornire ai partecipanti approfondite nozioni e capacità di studio e di analisi nei settori dell’informatica giuridica.

Il Master in Diritto delle nuove tecnologie e informatica giuridica dell’Università degli Studi di Bologna, si propone di fornire ai partecipanti approfondite nozioni e capacità di studio e di analisi nei settori dell’informatica giuridica e del diritto dell’informatica e delle nuove tecnologie, mediante l’apprendimento degli aspetti generali, della disciplina di regolamentazione, della metodologia di individuazione delle criticità, dell’analisi del contesto nazionale ed internazionale.
Un insieme di conoscenze idoneo a porre i partecipanti in condizione di applicare gli istituti tradizionali del diritto alle predette inedite problematiche; – un’accurata preparazione scientifica, metodologica e tecnologica, che consenta di affrontare con piena padronanza le problematiche giuridico-informatiche; – la concreta capacità di affrontare sul piano pratico le questioni studiate, mediante lo svolgimento di attività mirate (esercitazioni pratiche in aula, simulazioni processuali, redazione di contratti, studio di case study, stesura di pareri, stage).
Il Master mira quindi a formare: – professionisti in grado di trovare collocazione all’interno della pubblica amministrazione nei molti uffici che da qui ai prossimi anni seguiranno i processi di automazione della P.A.; – nuove figure professionali specializzate nel diritto dell’informatica da inserire negli uffici legali di società, enti privati ed aziende che operano nel settore ICT o, comunque, afferenti al settore delle nuove tecnologie; – avvocati specializzati nel diritto delle nuove tecnologie.
Scadenza per le domande di iscrizione: 31 dicembre 2010
Per saperne di più, visitare il sito del Master

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Aspettando il 22 dicembre...

Next Article

Assistenti di lingua italiana

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".