Assistenti di lingua italiana

Assistenti di lingua italiana all’estero cercasi per l’anno scolastico 2011-2012 in linea con il programma di scamio tra le scuole dei paesi membri dell’UE.

Assistenti di lingua italiana all’estero cercasi  per l’anno scolastico 2011-2012. Il bando è stato emesso dal ministero dell’Istruzione, università e ricerca all’interno del progetto di scambio tra le scuole dei paesi membri dell’Unione Europea. Posti vacanti in Francia, Germania, Regno Unito, Spagna, Austria e Belgio
I partecipanti al programma di scambio non devono aver compiuto il 30° anno di età alla data di scadenza dell’avviso.
Requisiti per la partecipazione
Essere iscritto per l’anno accademico 2010-2011 ad un Corso di laurea specialistica/ magistrale; prevedere di laurearsi al Corso di laurea specialistica/magistrale frequentato entro i termini dell’A.A. 2009-2010;  aver conseguito la laurea quadriennale o la laurea specialistica/magistrale dal 1° giugno 2010 . Si specifica che alla selezione sono ammessi i candidati che risultino iscritti al Corso di laurea specialistica/magistrale, ad una Scuola di specializzazione, ad un Dottorato o ad un Master dall’A.A. 2006-2007.
Nel caso di candidati in possesso di laurea quadriennale conseguita dal 1° giugno 2010 l’anno accademico di prima iscrizione non deve essere antecedente all’A.A. 2004-2005.
Lauree richieste: Laurea triennale in : Scienza della mediazione linguistica CL3/L12, Lettere CL5/L10, Lingue e culture moderne CL11/L11, Storia CL38/L42, Filosofia CL29/L5 o Laurea quadriennale in : Interpreti e Traduttori, Lettere, Lingue e Culture Europee, Lingue e Letterature Moderne, Studi Comparatistici
oppure iscrizione ad una Scuola di specializzazione o Master o Dottorato di ricerca specifici su lingue straniere o lingua e letteratura italiana presso una Università italiana.
Il compenso netto mensile varia da Paese a Paese ed è compreso tra gli 800 e i 1.000 euro. La durata dell’incarico coincide con lo svolgimento dell’anno scolastico 2011-2012: a seconda del Paese di destinazione, si va da metà settembre o inizio ottobre a fine maggio o metà giugno.
I posti di assistente di lingua italiana all’estero sono attribuiti previa selezione dei candidati e riservati esclusivamente a studenti universitari di madrelingua e cittadinanza italiana in possesso di tutti i requisiti previsti ed indicati nell’Avviso prot. AOODGAI/14367 del 6/12/2010 raggiungibile all’indirizzo https://archivio.pubblica.istruzione.it/dg_affari_internazionali/area_assistenti.shtml

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Diritto delle nuove tecnologie e informatica giuridica

Next Article

Gelmini: aperto il confronto con gli studenti

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.