Direttore Censis: "Al Sud, se non c'è lavoro nel pubblico, è inutile andare all'Università"

Giuseppe De Rita alla presentazione del libro di Lorenza Lei ‘ET_NET – La rete delle reti’, Roma, 03 Aprile 2014. ANSA/FABIO FRUSTACI

“La massima aspirazione dei giovani del Mezzogiorno era diventare funzionario pubblico e in subordine entrare in una azienda. Di questi due approdi non è rimasto nulla”. Così, dalle colonne de Il Mattino, il direttore del Censis, Giuseppe De Rita, spiega il crollo delle immatricolazioni negli Atenei del Sud Italia: la mancanza di impiego nel pubblico settore o in grosse aziende sarebbe, infatti, la prima causa di un fenomeno che sta portando migliaia di ragazzi e ragazze del meridione a scegliere università lontane da casa o semplicemente di smettere gli studi.
“Era il Mezzogiorno che aveva questa serbatoio di possibilità – continua De Rita – Il figlio del tecnico del milanese non pensava di fare il funzionario pubblico, nel Mezzogiorno era il vero destino. Ora l’orgoglio di diventare un alto dirigente dello Stato, per le difficoltà e le scarse possibilità, è totalmente assente. Manca quella tipologia di lavoro”.
Un unico destino: il lavoro pubblico. Se viene meno quello, nel Mezzogiorno, le giovani generazioni non saprebbero che altro fare. Innovazione, start up, nuovi mercati? Non al Sud. De Rita chiarisce il suo pensiero: “Gli atenei meridionali non sono mai state palestre di innovazione tecnologica. Ma palestre per la formazione di una classe dirigente pubblica. Se questa è venuta meno, perchè un ragazzo deve scegliere queste facoltà? Guarda altrove, se può, a nord, in altre città o all’estero”.
E allora in questa logica la risposta alla crisi delle Università del meridione si traduce in una ricerca di nuovi posti di lavoro, possibilmente nella PA: “Le politiche importanti sono quelle del lavoro. Poi viene la formazione – spiega il direttore del Censis – Puoi avere la borsa di studio e che ci fai? Non è l’incentivo di partenza che ti fa correre ma l’obiettivo finale che ti fa fare lo scatto. Qui manca il traguardo finale”.
Una visione che a molti è apparsa fin troppo riduttiva, se non altro per la varietà e la tradizione degli Atenei del Sud Italia, abili non solo a sfornare impiegati pubblici, ma anche eccellenze scientifiche, tecnologiche, umanistiche: “L’esistenza delle università nel Sud Italia non può e non deve esaurirsi nella formazione di funzionari, quadri e dirigenti – ha commentato il Rettore dell’Università di Roma Tre, mario Panizza – E il calo degli iscritti nel Meridione non dipende dalla dequalificazione degli atenei, ma principalmente dalle maggiori difficoltà dei laureati a inserirsi in quel territorio nel circuito lavorativo, che non necessariamente dev’essere quello indicato dal presidente De Rita. Non ci stupiscono i dati sconfortanti forniti dal Ministero dell’Istruzione sulla desertificazione delle università del Sud. Questi sono la conseguenza inevitabile di una politica che ha ridotto i fondi (meno iscritti, meno soldi). Con queste premesse, l’unico modo di rilanciare l’università in Italia, al Sud come al Nord, è quello di “fare rete” con atenei territoriali, creare collegamenti per razionalizzare le risorse e le competenze. Forse così anche al Sud le università potranno ricominciare a crescere”.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'ispettore del Miur: "Docenti assunti con la fase C si trovano a bivaccare nei corridoi"

Next Article

MIBACT: bando di concorso per 60 laureati con esperienza

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".