Digitalizzazione della scuola: una rete WiFi potente, facile e sicura è possibile

Col protocollo 20480 del Ministero dell’Istruzione gli istituti scolastici possono ottenere finanziamenti per un’infrastruttura di rete capace di coprire gli spazi didattici e amministrativi delle scuole: ma come scegliere il fornitore giusto?

La digitalizzazione sta cambiando la quotidianità delle persone anche nel settore dell’istruzione, incentivata dal Ministero dell’Istruzione, che ha indetto un bando rivolto alle istituzioni scolastiche per la richiesta dei Fondi Europei destinati alla realizzazione o al potenziamento di una rete cablata o wireless in grado di fornire una connessione internet a tutti gli spazi didattici e amministrativi delle scuole, nonché di garantire la sicurezza informatica dei dati, la gestione e l’autenticazione degli accessi.

Per rendere pratico e immediato in tutti gli ambienti scolastici l’accesso alle risorse online, incoraggiando l’apprendimento degli studenti e sviluppando metodi di insegnamento moderni, creativi e interattivi, una connessione WiFi è fondamentale.

Le reti installate negli ambienti scolastici devono chiaramente soddisfare determinati requisiti in termini di dispositivi multipli, aule virtuali, una grande quantità di utenti connessi contemporaneamente e sicurezza. Inoltre, molti istituti non dispongono di personale IT dedicato, hanno budget limitati e dipendenti non avvezzi alla tecnologia. Pertanto, le soluzioni wireless proposte alle scuole devono venire incontro alle particolari esigenze del settore, risolvendo le sfide specifiche che una scuola si trova ad affrontare perché la digitalizzazione risolva problemi anziché crearne. 

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ministero della cultura: 130 tirocini nei Beni culturali, 1.000 Euro al mese

Next Article

Olimpiadi Internazionali di Scienze della Terra, il medagliere italiano

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"