Decreto cultura: lavoro per 500 giovani

decreto cultura lavoro per 500 giovani

Decreto Cultura: lavoro per 500 giovani Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto che interviene sui temi di tutela e rilancio dei beni culturali Opportunità per 500 laureati under 35. il progetto pilota parte da Campania, Puglia, Calabria e Sicilia

Il Consiglio dei Ministri approva il dl “Valore Cultura”; tra le misure adottate, previsti anche contratti di lavoro a tempo determinato per 500 giovani.

“Vogliamo dare un messaggio forte che riguarda i giovani e la cultura – ha commentato il premier Letta – Una misura riguarda un’opportunità per i giovani e la cultura, è un’opportunità di lavoro offerta a 500 giovani per un periodo determinato di tempo”

L’iniziativa è rivolta a laureati under 35, che per un anno saranno impegnati della digitalizzazione e nella catalogazione di beni culturali di importanti musei e fondazioni sul territorio.

Ad avviare il progetto saranno le regioni del Sud, in particolare: Puglia, Campania, Calabria e Sicilia, dove saranno selezionati i primi 100 ragazzi.

Nel decreto legislativo è, poi, previsto un piano per la gestione dell’emergenza Pompei, per cui verrà istituita una nuova Soprintendenza, staccata da quella di Napoli e Caserta, e un nuovo direttore generale del sito.

Istituiti anche fondi per intervenire nella gestione dei musei italiani e per completare alcune grandi opere, come i nuovi Uffizi di Firenze (8 milioni di euro) e il museo nazionale dell’ebraismo italiano e della Shoah a Ferrara (4 milioni).

Stanziati, infine, ulteriori somme per risollevare le sorti delle opere liriche (75 milioni di euro gestiti da un commissario straordinario), del cinema, con il rinnovo di una tax credit per 90 milioni di euro, e per giovani artisti emergenti nel campo musicale.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Naba e Domus Academy: 1 milione di euro in borse di studio

Next Article

Al via il Master universitario in videogame

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).