Al via il Master universitario in videogame

Master universitario videogame

Master universitario in videogame All’università di Verona, un corso post lauream per progettare e sviluppare i giochi informatici Un settore che non conosce crisi e offre impiego a chi ha passione e preparazione

Aperte le iscrizioni al Master universitario di I livello in Computer Game Development, promosso dal dipartimento di Scienze e Ingegneria dell’università degli studi di Verona.

Il corso, giunto alla quinta edizione, vuole formare esperti nella progettazione e sviluppo dei videogames; un settore che non sembra conoscere crisi e che offre molte possibilità d’impiego a chi possegga passione e preparazione sufficienti.

Possono accedere al Master i laureati in Informatica e in Ingegneria informatica che presenteranno domanda entro il 20 settembre.

Il corso prevede 370 ore di didattica, organizzata in moduli che alternano lezioni teoriche e altre di laboratorio. Durante le ore in aula gli studenti apprenderanno le competenze tecniche di base, come grafica 3D, ingegneria del software e interazione utente-calcolatore; mentre nei moduli pratici avranno a che fare con gli strumenti specifici utili alla realizzazione dei videogames, come il gameplay, il graphics programming, l’artificial intelligence programming, e altri.

I posti disponibili sono al massimo 20, mentre il costo del Master è di 4.530 euro.

Per avere maggiori informazioni e scaricare il programma didattico, consultate il sito www.univr.it/main?ent=offerta&aa=2013%2F2014&cs=406

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Decreto cultura: lavoro per 500 giovani

Next Article

Ad una ricercatrice italiana il premio per il software dati su Galileo

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.