Dall’università di Torino una nuova terapia contro il tumore al pancreas

Una combinazione tra vaccino a Dna e chemioterapia tradizionale contrasta l’avanzare della malattia

Nuove speranze nella lotta al tumore dei pancreas arrivano da una terapia basata sull’abbinamento tra “vaccino a Dna” (plasmidi modificati che trasportano piccoli frammenti di genoma di un certo patogeno) e chemioterapia tradizionale, messa a punto dai ricercatori del Dipartimento universitario di Biotecnologie Molecolari e Scienze per la Salute del Centro Ricerche in Medicina Sperimentale (CeRMS) della Città della Salute di Torino

I risultati di questo studio sono appena stati pubblicati dalla prestigiosa rivista internazionale Journal for ImmunoTherapy of Cancer, ponendo le basi per una nuova strategia terapeutica per il trattamento del tumore del pancreas, fra i più difficili da curare, tanto a essere definito ‘big killer’ per la sua aggressività. Il risultato deriva dalla combinazione del trattamento chemioterapico tradizionale con l’immunoterapia di precisione, basata sul vaccino contro una o più proteine associate a questo tumore.

I ricercatori Francesco Novelli, Claudia Curcio e Paola Cappello sono riusciti a dimostrare che questo trattamento può aprire una ‘finestra terapeutica’ anche in pazienti con tumore avanzato. Per provare l’ipotesi, i ricercatori hanno valutato l’effetto antitumorale del trattamento combinato in animali geneticamente modificati per sviluppare il tumore al pancreas.

“I risultati ottenuti – afferma Novelli, direttore del Dipartimento di Biotecnologie Molecolari e Scienze per la Salute dell’Università di Torino – hanno dimostrato che il trattamento combinato è molto efficace nel bloccare la progressione tumorale e nello scatenare una forte risposta da parte dei linfociti T-anti tumore. Il risultato è molto incoraggiante – sottolinea – in quanto non esiste attualmente nessun trattamento chemioterapico in grado di determinare anche un solo piccolo ma significativo aumento di sopravvivenza nei pazienti con tumore pancreatico”.

torino.repubblica

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Manfredi: partenariato pubblico-privato è il futuro della ricerca

Next Article

Sclerosi multipla, Alzheimer e Parkinson: la scoperta dei ricercatori dell'Università degli Studi di Perugia

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".