Dall'università alla sede di Amazon, la storia di 4 ragazzi

Gli studenti vincitori del contest aziendale si raccontano

Un progetto nato da un’intuizione, dopo la visita in un magazzino, e sviluppato con una full immersion di due mesi: è così che Claudia, Giulia, Michele e Miriam, quattro studenti dell’università di Roma Tor Vergata, hanno vinto l’Amazon Innovation Award, il contest che il colosso dell’e-commerce dedica da tre anni agli atenei.
L’idea dei ragazzi – un robot chiamato Xiva che sfrutta e rielabora una tecnologia di Amazon per migliorare le operazioni nei magazzini e ridurre la fatica dei dipendenti – è valsa un viaggio a Seattle, nel quartier generale della compagnia.
Qui gli studenti hanno presentato il progetto e raccontato la propria esperienza. Per qualcuno è una rivincita, per altri un’iniezione di fiducia in sé. Sicuramente un passaggio formativo che ha consentito loro un primo contatto col mondo del lavoro. Un futuro prossimo a cui guardano con curiosità, timore e speranza.
La squadra formata da Michele Baldassarre, Claudia Costanzo, Miriam Di Mario e Giulia Di Prospero non soltanto ha vinto il contest locale romano dell’università di Roma “Tor Vergata”, ma è stata scelta come vincitrice dell’Amazon Innovation Award nazionale 2018, giocandosela alla pari con il Politecnico di Milano e il Politecnico di Torino. Sono stati infatti i tre atenei italiani gli unici coinvolti da Amazon per il suo Innovation Award, giunto quest’anno alla terza edizione, per totale di circa 400 studenti riuniti in squadre e pronti a presentare circa 80 progetti innovativi. Quest’anno la sfida lanciata da Amazon agli studenti era relativa allo sviluppo di idee innovative nell’area dell’Operations Management e in particolare riguardo la gestione del magazzino e la logistica interna.
Il team vincitore è composto da tre studentesse di Ingegneria Gestionale ed uno studente di Economia. Il progetto da loro presentato è denominato “XIVA” e propone un perfezionamento della nota tecnologia “kiva” già in uso nei centri distributivi Amazon. L’innovazione consiste nell’estensione delle funzioni di questi robot magazzinieri per comprendere operazioni di carico e scarico, migliorandone l’interazione con le persone anche dal punto di vista della sicurezza. Gli studenti hanno presentato la loro idea sintetizzata nel formato “six-pager” richiesto da Amazon, completa però di una progettazione di massima, dimensionamento logistico, analisi cost-benefici, analisi di rischio e di impatto sui processi.
Il prof. Max Schiraldi ha svolto il ruolo di “tutor” supervisionando l’elaborazione di tutti i progetti degli studenti: “la sfida ricadeva esattamente all’interno del mio tema di lavoro, io insegno Operations Management  e sono stato il loro interfaccia con Amazon”.
ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

LA ROUTINE È LA NUOVA FELICITÀ. 21 RITUALI QUOTIDIANI, SELFIE INCLUSI

Next Article

Concorso scuola, nessuna preselezione per chi ha tre anni di servizio

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".