Dai testi di twitter la personalità degli utenti

twitter

Uno studio per il riconoscimento automatico della personalita’ di un individuo da un suo testo scritto sul web e’ in corso al Centro interdipartimentale Mente-Cervello (CIMeC) dell’Universita’ di Trento. Il ricercatore Fabio Celli organizzera’ il primo workshop sul tema al Mit di Boston.

I testi estratti da internet e dai social media possono essere utili in ambito forense, per la rilevazione delle menzogne, ma anche in psicologia e per chi studia le strategie di diffusione di un prodotto o di un’idea tramite il passaparola virtuale, il cosiddetto ‘marketing virale’, spiega Celli.

”Studiando le interazioni su Twitter, abbiamo rilevato che gli utenti emotivamente stabili hanno interazioni forti, nel nostro caso conversazioni, con una cerchia ristretta di utenti; invece, gli utenti classificati come nevrotici – sottolinea Celli – tendono ad avere interazioni deboli, cioe’ che spesso non ricevono risposta, e cercano di conversare con utenti piu’ lontani nella rete, come se non riuscissero a stabilizzare i legami conversazionali e ne cercassero di nuovi. In questo modo, i nevrotici mettono in piedi delle reti comunicative che, per quanto deboli, permettono ad un potenziale messaggio o idea di diffondersi piu’ facilmente”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ultimi giorni per iscriversi al Master all'Università di Udine

Next Article

Bidello spara e uccide una professoressa di religione: la amava

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".