Dad, Giannelli (Anp): "Davario formativo rischia di essere irrecuperabile"

“Sospensione della didattica in presenza non sarà senza conseguenze. Dobbiamo essere consapevoli del prezzo sociale che pagheremo noi tutti e di quello individuale che pagheranno invece gli studenti”, a dirlo è Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione Nazionale Presidi commentando le proabili disposizioni del nuovo dpcm annunciate dal premier questa mattina in Parlamento.

“Dirigenti e docenti sono chiamati ad un ulteriore sforzo riorganizzativo ma, malgrado il loro impegno, si rischia un allargamento del divario formativo difficilmente recuperabile”. I presidi sono preoccupti e con loro anche gli insegnanti. “Sappiamo che la didattica da casa non è come la scuola – afferma Alice, prof.ssa di Storia e Filosofia – ma pur facendo il possibile il rischio che gli studenti perdano interi pezzi di programma è fortemente reale”, conferma.

Non sono molti anni che la tecnologia e “menti visionarie” hanno permesso che questo tipo di didattica formativa per studenti potesse essere realtà. Uno degli esempi è incarnato in Marco De Rossi, il 30enne paladino del digitale che ha dovuto aspettare la pandemia prima che la sua WeSchool – una delle tre piattaforme suggerite dal ministero dell’Istruzione – raccogliesse milioni di iscriti. Ma non basta perché i docenti insistono: “Dovevamo trovare un modo per rimanere in presenza, è una sconfitta”, afferma Alberto, docente di Matematica. Sulla questione è intervenuto anche il governatori della Liguria, Giovanni Toti: “La chiusura della scuola, senza un corrispondente livello di assistenza, rischia di far diventre i nonni naturali baby sitter”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ritorna Orientasud, il Salone delle opportunità in versione digitale

Next Article

Studenti bloccati all'estero, il fondo che tutela i viaggiatori: "Necessarie risorse pubbliche per urgenze di questo tipo"

Related Posts
Leggi di più

Docenti poco rispettati dagli studenti? “È soprattutto colpa dei genitori”

Un sondaggio di Swg per la Gilda Insegnanti prova a capire la cause che hanno portato alla perdita di autorevolezza della figura dell'insegnante. Per la maggioranza degli intervistati la causa principale è lo screditamento della figura del prof messo in atto dai genitori degli studenti con continue interferenze nell'ambito didattico.